24/11/2017 19:35
VIA IACOVIELLO NON SI TOCCA!

VIA IACOVIELLO NON SI TOCCA!

E’ questa la volontà di oltre il 90% dei santermani. Commercianti, automobilisti e semplici cittadini.

 

Il sindaco invertendo il senso di marcia di via Iacoviello vorrebbe far vivere meglio i santermani, è questa la motivazione pubblicizzata in un suo classico proclamo per questo nuovo inspiegabile capriccio. Beh detto da lui c’è da crederlo fino in fondo. E’ risaputo quanto D’Ambrosio ci tenga alla vivibilità del comune che amministra. Bontà sua, se pensa che ci possa essere ancora gente che crede a questi suoi frequenti proclami che al di là dei loro contenuti offendono l’intelligenza di una intera comunità.

SONDAGGIO IACOVIELLONon voglio entrare nel merito della bontà o meno della variazione del senso di marcia di questa importante strada. Tuttavia qualunque sia il beneficio che se ne trarrebbe, la gente la vuole così come è oggi. I commercianti non vogliono che si cambi, i pendolari che utilizzano la Sita, la cui fermata verrebbe soppressa non vogliono questo cambiamento, nessuno vuole cambiare. Il sindaco ne prenda atto ed eviti di compiere un nuovo disastro cittadino. Eviti che si giunga, così come hanno annunciato i titolari degli esercizi commerciali ubicati su via Iacoviello, a una energica protesta e al conseguente blocco della circolazione stradale nel caso si dovesse invertire il senso di marcia.

Ma quali sono i retroscena di  una decisione così sbagliata? Da chi è partita l’idea così tanto contestata dai cittadini?
C’è chi dice che lo stesso sindaco ha suggerito a un titolare di attività commerciale di inoltrare la richiesta di chiusura serale di via Iacoviello, questa richiesta si è poi stranamente trasformata nell’inversione del senso di marcia. C’è chi parla di un ricatto nei confronti di quelle attività che utilizzano spazi esterni ai quali sarebbe stato suggerito di chiedere la chiusura di tutta via Iacoviello per la conservazione dello spazio esterno. C’è chi dice che la richiesta sia pervenuta da un familiare del sindaco per agevolare l’attività di alcuni suoi amici. Quindi la spiegazione di questo arcano progetto è tutt’altro che semplice, stante anche l’ambiguità di qualcuno fortemente interessato al cambio del senso di marcia che di riflesso significherebbe la chiusura, prima di via Iacoviello e poi a seguire di molte attività commerciali che già arrancano per la crisi economica.

L’augurio per tutti è che il sindaco desista dalla sua idea o da quella di qualche suo simpatizzante e abbandoni un progetto che, dati alla mano, non piace a oltre il 90% della comunità santermana. Diversamente, a detta di chi ne verrebbe penalizzato, ci aspetta un’estate ancora più calda di quanto già lo sia.

9 commenti

  1. Il becerissimo e bugiardissimo sindaco, nella sua intervista ha dichiarato che per la nuova segnaletica non spenderà 1euro. Invece ad oggi sono già stati posizionati numerosi pali nuovi di zecca e altri se ne aggiungeranno.
    Quanto costa tutto ciò…sig bugiardo?

  2. E BASTA.
    Non state a guardare al capello
    ma, passeggia per via iacoviello
    tra un bicchier di vin novello
    sotto il fresco dell’ombrello
    la musica suona un ritonnello
    un gelato al caramello
    panzerotto e limoncello
    e il paese e più Moderno e più bello.

  3. Scusate cari amici dei commenti e non, ci possiamo incontrare da qualche parte per concordare un’azione congiunta per fermare ciò che sta accadendo a Santeramo in questi anni? Se aspettiamo la fine della legislatura, quando il signor sindaco sarà costretto ad andare in esilio, sarà troppo tardi. Muoviamoci, facciamo qualcosa.

  4. Che vergogna, questo sindaco continua con FACCIA TOSTA A MARCIARE CONTRO-SENSO la volontà dei cittadini. E questa volta lo fa in nome dell’ Ambiente, per salvare dallo smog gli alberi in villa.
    Ma quando mai si è preoccupato del verde, in queste ore mezza Santeramo è in fiamme, per lo STATO di DEGRADO in cui versano le aree verdi del paese.
    Se la vera motivazione fosse stata di salvare il verde della villa, sarebbe bastato spostare il solo transito dei mezzi pesanti e autobus. Ma qui il paese brucia e tutto PUZZA di BRUCIATO.
    Come mai la Conf-commercio non rilascia nessuna dichiarazione?
    Sindaco che motivo c’era di far firmare ai commercianti, una subdola lettera?
    Inoltre Le ricordo che Via iacoviello non è Centro-Storico (come da Lei dichiarato), ma pensi veramente a creare una POLITICA SERIA per RISVEGLIARE il VERO CENTRO-STORICO.
    Non è portando alla LUCE quattro CHIANCHE, che si rimette in moto l’economia di un paese.
    BASTA con le sue BECERE dichiarazioni, che ci pervengono sempre a fatti compiuti, altro che COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI!!!

  5. Svegliarevi l’ambiguo sindaco piano,piano, si sta avvicinando a casa sua,infatti la vera intenzione e’ quella di fare il senso unico in via Laterza. Vedrete presto.

  6. Il Sindaco ha scritto: “IO SOGNO UNA CITTA’ PIU’ BELLA E ACCOLIENTE!”
    A parte il fatto che ha ridotto il paese a una latrina, ma poi che esempio di cultura da, se non riesce a scrivere nemmeno in italiano! Sindaco si scrive….ACCOGLIENTE.
    TORNA A CASA….E POI….RITORNA A SCUOLA…..MA NON COME PROF….MA COME ALUNNO.

  7. Per carità non tocchiamo i familiari.
    IL sindaco è molto legato alla SUA FAMIGLIA, COME IL SUO CONSIGLIERE EMILIANO.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*