22/08/2017 13:03
UN PARCO PER TUTTI

UN PARCO PER TUTTI

Finalmente si è aperto il Parco di via Lecce, rinnovato e arricchito con panchine e giostre per i più piccoli, Santeramo merita in ogni sua zona un parco,

un luogo dove trascorrere delle ore di svago, lontani dalla scuola, dal lavoro e dove i Nostri figli possano incontrarsi e giocare in un ambiente sicuro e che soddisfi le loro necessità in modo da continuare a coltivare le amicizie fuori dai banchi di scuola e permetta loro di condividere ore di puro e sano divertimento all’aria aperta.

Noi di Direzione Italia però poniamo l’attenzione anche per quei bambini diversamente abili per i quali è necessario
predisporre delle aree gioco “realmente inclusive” e quindi l’apertura di questo nuovo parco era l’occasione di
prevederla, almeno l’installazione di un’altalena che avrebbe consentito di far giocare insieme tutti i bambini.
I bambini “speciali”, hanno il diritto di poter usufruire del parco e di tutte le attrezzature che vi sono all’interno
poiché, in Italia, esistono appena 400 parchi gioco con almeno una giostra accessibile anche ai bambini “speciali” e
solo 40 possono definirsi realmente inclusivi, così come evidenziato da Claudia Protti e Raffaella Bedetti, fondatrici del blog “Parchi Tutti”.
Per noi di Direzione Italia tale argomento ha un’importanza straordinaria e per questo chiediamo alla nuova
Amministrazione comunale di poter dotare i parchi già esistenti sul territorio di almeno un gioco per i bambini
diversamente abili.
Nell’auspicio della riapertura e la bonifica del parco giochi di Via Stazione e del parco don Nicola diventino realmente inclusivi per tutti i bambini di Santermo allo scopo di avviare un sano divertimento comune dell’attività ludica durante il tempo libero.
Secondo studi recenti i bambini ridono 300 volte al giorno, gli adulti non più di quindici volte ed è per questo che
l’impegno di Direzione Italia è anche questo, ovvero, far sorridere di più le tante famiglie che ogni giorno sono
costrette a sfidare le barriere, non solo fisiche ma anche culturali che impediscono ai propri figli “ speciali “ di avere
una vita come tutti gli altri.
“Perché il gioco non è solo svago e divertimento, ma anche uno strumento che crea relazioni e non limiti”
La Nostra Santeramo non deve lasciare indietro nessuno, deve pensare a tutti i suoi cittadini, dotando tutta la Città di tutto il necessario per aiutarli e sostenerli che non devono sentirsi esclusi ma devono avere tutti la possibilità di
giocare con i propri cari.

Questo il comunicato stampa di Direzione Italia Santeramo.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*