12/12/2017 22:23
RACHELE GRANDOLFO COMMISSARIO DI ALTAMURA

RACHELE GRANDOLFO COMMISSARIO DI ALTAMURA

E’ vice prefetto di Bari. Il Sindaco Giacinto Forte rimane agli arresti domiciliari.

“La viceprefetta Rachele Grandolfo è stata nominata commissaria prefettizia del Comune di Altamura dopo la decadenza dall’incarico del sindaco Giacinto Forte, arrestato il 12 luglio scorso insieme con altre dieci persone nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Bari su presunte tangenti ricevute da amministratori e tecnici di alcuni Comuni della provincia in cambio di appalti. Forte è agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione. Il Tribunale di Riesame di Bari ha rigettato la sua richiesta di revoca della misura cautelare, ritenendo sussistenti gravi indizi di colpevolezza ed esigenze cautelari”.

E’ quanto leggiamo da “La Repubblica” di Bari e da “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

“Stando alle indagini, coordinate dai pm Claudio Pinto e Marco D’Agostino, l’ex sindaco Forte avrebbe accettato una tangente di 15mila euro dagli imprenditori Bertin Sallaku titolare della ‘Besa Costruzioni srl’ e dal suo socio Michele Fatigati, attraverso l’intermediazione del vicesegretario del Pd di Acquaviva delle Fonti, Roberto Ottorino Tisci (Sallaku e Tisci sono tuttora in carcere) per l’appalto dei lavori al depuratore della città.

Il Riesame ha anche rigettato la richiesta di scarcerazione di un altro indagato, il dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Gioia del Colle, Vito Raffaele Lassandro, membro della commissione che aggiudicò il presunto appalto truccato relativo ai lavori di ristrutturazione del teatro comunale di Acquaviva delle Fonti. Le indagini, in cui è coinvolto anche l’ex assessore regionale Giovanni Giannini (che perciò si è dimesso dall’incarico assessorile), hanno documentato che imprenditori, tecnici e amministratori pubblici di alcuni Comuni dell’area metropolitana di Bari avrebbero truccato fra il 2015 e il 2017 almeno cinque gare d’appalto bandite dai Comuni di Acquaviva, Altamura e Castellana Grotte”.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*