22/11/2017 06:29
IN ARRIVO LA PALESTRA IPSIA

IN ARRIVO LA PALESTRA IPSIA

I lavori dovranno iniziare entro un anno dalla data di rilascio del permesso, ovvero entro il 18 dicembre 2016 ed ultimati entro tre anni dalla data di inizio lavori, salvo proroghe.

 

Porta il numero 112/P in data 18 dicembre 2014 il permesso di costruire rilasciato dal Dirigente del Settore Assetto e Tutela del Territorio del Comune di Santeramo alla Provincia di Bari per la esecuzione dei lavori edili relativi alla realizzazione della palestra coperta e del corpo di collegamento alla sede esistente dell’Istituto Professionale Statale per l’Industria e l’Artigianato sito in Via F.lli Kennedy. Più di Provincia di Bari, ora si tratta della Città Metropolitana del capoluogo pugliese, entrata nel pieno delle sue funzioni dal primo gennaio scorso. La richiesta del permesso di costruire è stata presentata al Comune il lontano 18 settembre 2009. Non si conoscono i motivi per i quali il permesso sia stato rilasciato dal Comune di Santeramo a distanza di oltre cinque anni. C’è da chiedersi, quindi, se il finanziamento preventivato sarà sufficiente per la completa esecuzione dei lavori o se sarà necessario rivedere il capitolato d’appalto. I lavori dovranno iniziare entro un anno dalla data di rilascio del permesso, ovvero entro il 18 dicembre 2016 ed ultimati entro tre anni dalla data di inizio lavori, salvo proroghe per fatti estranei alla progettazione o per cause di forza maggiore. Tutto dipenderà del modo e dall’efficacia di amministrare della Città Metropolitana. Nel frattempo gli studenti dell’Ipsia continueranno a fare i girovaghi da una palestra all’altra. Quella più frequentata è stata e sarà la palestra dell’Itc nei pressi della Casa di Riposo. Tra qualche anno, quindi, il primo istituto di scuola superiore di Santeramo avrà a disposizione la palestra della quale, stranamente, è stato privato sin dalla sua originaria progettazione.

 

 

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*