21/11/2017 03:31
CARO AVVOCATO GIOVANNI RIVIELLO

CARO AVVOCATO GIOVANNI RIVIELLO

Caro esponente del movimento politico “Noi con Salvini”,

(PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE UNA NOTA PERVENUTA IN REDAZIONE A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE AVV. FRANCESCO CAPONIO.)

Lei che soffre di manie di persecuzione tipiche del Suo leader nazionale, in virtù del ruolo professionale e politico che espleta, dovrebbe sapere che le accuse vanno circostanziate e soprattutto dimostrate, diversamente sono retrocesse al rango di mere illazione denigratorie, calunniose ed offensive della reputazione del destinatario, nel caso di specie del sottoscritto;

Lei che avrebbe individuato l’autore di un presunto falso profillo facebook in un soggetto che ha a che fare con lo spazzolino, che espleta la professione di avvocato e che ha un ruolo istituzionale nella minoranza del consiglio comunale di Santeramo;

Lei che sulla sua pagina facebook ha attribuito al sottoscritto la paternità di tale presunto falso profilo corrispondente al nome “Santo Santeramo”;

Lei, che con le sue elucubrazioni mentali, ha riempito e consentito di riempire di fango la mia immagine di esponente istituzionale;

Lei, che per un pugno di voti, non ha esitato a compromettere anche la mia onorabilità professionale;

Lei, proprio Lei, che quando svolgeva il ruolo di educatore presso la comunità salesiana da me frequentata, ha simpaticamente creato il nomignolo ”spazzolino” sulla mia persona tanto che oggi mi riconoscono più da quello che non dal mio vero nome e cognome;

Lei sappia che il sottoscritto è completamente estraneo a quelle che sono le sue perverse e diaboliche congetture e pertanto Lei deve avere il coraggio di vergognarsi.

In ragione di tanto, nell’attesa che la magistratura competente, cui sono stato costretto a rivolgermi:

– accerti e rintracci l’autore del profilo “Santo Santeramo” e dimostri che nulla ha a che fare con il sottoscritto;

– individui e persegua tutti coloro che si sono resi responsabili di fattispecie penalmente rilevanti, ivi compresi coloro i

quali sulla sua pagina facebook non hanno risparmiato anagrammi di sorta, gratuite e gravi offese alla mia persona e professione,

La invito ad esibire pubblicamente quelle che Lei ritiene essere le prove in mio danno.

A tal proposito Le comunico che il sottoscritto è disponibile ad esporsi al pubblico ludibrio, in una piazza, in un pubblico comizio, in tv, ovunque Lei creda.

Se invece, come sono certo, le sue sono semplici illazioni per di più calunniose, abbia il coraggio di andare in una pubblica piazza e porgere le Sue scuse: mi bastano le Sue, non pretendo anche quelle dei Suoi fans verso i quali provo solo compassione.

Infine, ma non per ordine di importanza, mi preme quì ringraziare ulteriormente il Sindaco, tutte le forze politiche di ogni colore e tutti i cittadini che in questi giorni non facili per me e per i miei cari, hanno esternato, con la discrezione dovuta dalla delicatezza della vicenda, il loro sentimento di solidarietà.

Santeramo in Colle, 12.04.2016
Francesco Caponio

2 commenti

  1. Caro Giovanni (Riviello),
    mi permetto di chiamarti per nome sia in virtù del profondo legame di stima e amicizia che ci ha legato fino ad alcuni anni fa sia perchè sono qui a darti un umile e benevolo consiglio che, come tale, puoi chiaramente ignorare: lascia la politica!!
    Il mio, come dicevo, è un consiglio che non ha nulla di ironico.
    Hai una bellissima famiglia, un ottimo lavoro… cosa ti sta dando in più la politica da quando (in occasione delle ultime amministrative) ci sei entrato a pieno??
    Io credo che ti stia solo togliendo l’affeto e la stima di tanti che prima erano tuoi amici e, come me, Francesco (Caponio) e altri, anche tuoi “allievi”, cresciuti spesso nella tua ombra presso l’oratorio e altre realtà sportive!
    Effettivamente è parere comune a tanti che tu sia profondamentre cambiato da quando hai deciso di occuparti di politica e, sicuramente, non si è trattato di un cambiamento migliorativo…
    Ti saluto, anche se ormai quando ci si incontra tu eviti di farlo, e ti auguro di riallacciare i rapporti con chi non ha “interessi”…

  2. franco Porfido

    Caro Francesco, il minimo che l’Avv. Riviello possa fare, è scusarsi dinanzi alla sfida che gli hai pubblicamente lanciato. Scommetto che non l’accetterà. Se, invece, l’accetterà, dimostrerà di essere uomo, prima ancora di essere avvocato e di persona impegnata in politica. Anche dal mio nulla, lo sfidai pubblicamente nel corso o all’indomani delle elezioni regionali 2015 per un mio incidente di percorso professionale che poteva capitare a chiunque, e neanche mi rispose. Credo che sia il massimo responsabile dello sfascio del centrodestra a Santeramo. Se un giorno mi capiterà pubblicamente a tiro, glielo ricorderò e gli chiederò se e quanto ha inciso nella elezione del sindaco in carica.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*