23/01/2021 19:11
GUARDIA DI FINANZA:  TRUFFA E INDEBITE PERCEZIONI PER OLTRE 61 MILA €.

GUARDIA DI FINANZA:  TRUFFA E INDEBITE PERCEZIONI PER OLTRE 61 MILA €.

Sorvegliati speciali di Ps  e Pluricondannati , da oltre 10 anni  percepivano contributi comunitari nel settore agricolo .Nei loro confronti il Tribunale di Bari – Sezione Misure di Prevenzione ha applicato la Sorveglianza Speciale di P.S. (con obbligo di soggiorno nei Comuni di residenza) e il relativo Decreto era divenuto definitivo rispettivamente nel 2006 e 2007, ma nonostante il conseguente divieto di ottenere “contributi, finanziamenti, mutui agevolati e ad altre erogazioni dello stesso tipo comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o Decreto era divenuto definitivo rispettivamente nel 2006 e 2007, ma nonostante il conseguente divieto di ottenere “contributi, finanziamenti, mutui agevolati e ad altre erogazioni dello stesso tipo comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità europee, per lo svolgimento di attività imprenditoriali”, previsto in questi casi dall’art. 67 del Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, da oltre dieci anni due soggetti percepivano contributi nell’ambito della Politica Agricola Comune.

La truffa e le illecite percezioni – per oltre 61.000 € – sono state scoperte dai militari della Compagnia di Altamura, coordinati dal I Gruppo Bari.

L’attività investigativa – avviata d’iniziativa e proseguita sotto la direzione della Procura della Repubblica di Bari – è stata, quindi, prevalentemente incentrata all’individuazione di persone destinatarie, nell’ambito della Politica Agricola Comune (PAC) di provvidenze pubbliche non spettanti in relazione ai citati divieti previsti dal Codice Antimafia.

La Politica Agricola Comune (prevista dal Trattato istitutivo delle Comunità) è una delle politiche comunitarie di maggiore importanza (impegnando circa il 38% del bilancio dell’Unione europea) ed ha diversi obiettivi, ispirandosi a criteri di sviluppo ecosostenibile, sostegno agli agricoltori riducendo le sperequazioni all’interno della Ue, concentrandosi in particolare sui giovani agricoltori, sugli operatori all’interno di mercati a basso reddito e su quelli che vivono in zone soggette a vincoli naturali.

Le Fiamme Gialle altamurane hanno ricostruito sia i precedenti penali e di polizia dei due agricoltori controllati (risultati non soltanto Sorvegliati Speciali, ma anche condannati in via definitiva per diversi reati, fra gli altri: estorsione, rapina, furto aggravato, ricettazione, detenzione illegale di armi), sia le loro qualità di imprenditori agricoli.

Con particolare riferimento a tale ultimo aspetto sono state analizzate dettagliatamente tutte le domande uniche di pagamento presentate (unitamente alla relativa documentazione a supporto) ed eseguiti specifici ulteriori approfondimenti mediante acquisizione di documentazione (anche presso Enti pubblici) e dichiarazioni da persone informate sui fatti, nonché sopralluoghi sui terreni.

All’esito delle complessive indagini sono stati accertati contributi comunitari illecitamente percepiti per oltre 61.000 € e in uno dei due casi, condotte truffaldine realizzate mediante artifici e raggiri consistiti nel simulare la disponibilità dei terreni indicati nelle domande di pagamento, attraverso la predisposizione e presentazione di “falsi” contratti di affitto. In entrambe i casi, comunque, gli indebiti percettori avevano dichiarato “falsamente” l’insussistenza nei propri confronti di cause di divieto per l’ottenimento dei contributi pubblici.

Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e illecita percezione di aiuti comunitari sono i reati contestati ai due agricoltori-Sorvegliati Speciali, che hanno percepito, dal 2008 a oggi, oltre 61.000 €.

I Finanzieri hanno altresì verbalizzato i due soggetti per la commissione della violazione amministrativa, segnalato i fatti all’Organismo pagatore (AGEA) per la sospensione di ulteriori erogazioni e per il recupero dell’illecito percepito e, infine, deferito i predetti alla Procura presso la Corte dei conti di Bari, in relazione a un danno erariale cagionato pari a oltre (oltre 61.000 €).

La presente attività di servizio testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza di Bari nel contrasto agli illeciti nel settore della Politica Agricola Comune, a garanzia che le risorse pubbliche siano effettivamente destinate al sostegno degli agricoltori onesti.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.