15/06/2021 05:36
DRAGHI, PREMIER VOLONTARIO

DRAGHI, PREMIER VOLONTARIO

Una scelta virtuosa destinata a rimanere unica

Una notizia che probabilmente non ha avuto grande risonanza ma che dimostra una volta di più lo stile di vita austero di Mario Draghi. Con una dichiarazione firmata il 5 maggio 2021, Mario Draghi ha certificato che svolgerà l’incarico da presidente del consiglio senza ricevere alcun emolumento. Un “lavoro”, quello di premier, che prevede un compenso di circa 80mila euro.

Ogni tanto si legge una notizia che apre il cuore e che, proprio perché è virtuosa, si sottace.

Pensare a tutti gli altri – ministri, parlamentari, presidenti e consiglieri regionali, sindaci, ecc. – che riscuotono migliaia e migliaia di euro mensili di indennità in una situazione drammatica come quella che stiamo attraversando, mi viene il voltastomaco.

Con la bocca si spendono e si spandono per i poveri, ma a fine mese incassano. In questo Paese, c’è chi non può mangiare, c’è chi mangia poco, e chi si strafoga.

Così non va. E’ il tempo che i rappresentanti della politica a tutti i livelli, tantissimi dei quali scansafatiche e vagabondi, che non conoscono un solo giorno di lavoro in fabbrica o nei campi, percepiscano uno stipendio normale di poche migliaia di euro al mese.

Chi farà questo, sarà ben voluto anche sotto il profilo elettorale. Se fosse possibile e ne avessi i mezzi, lancerei un referendum popolare.

Draghi ha dato l’esempio. Dietro di lui, nessuno.

 

2 commenti

  1. P.S.
    Avete sentito l’autocritica di Bersani ad Articolo Uno? Se si continua così rischiamo di avere la Meloni a Palazzo Chigi e Salvini nuovamente al Viminale!!!!
    Un saluto, Franco Labarile

  2. Il mio nome è Bond… EuroBond!!!!
    W il Super-Mario il number-one.
    E Speranza invece? L’ Art. 1…
    W l’ Italia.
    Un saluto, Franco Labarile

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.