04/08/2021 04:43
DA OGGI I BAMBINI CELIACI SENZA MENSA SCOLASTICA

DA OGGI I BAMBINI CELIACI SENZA MENSA SCOLASTICA

A decidere questa esclusione sono stati alcuni Ispettori della Asl a seguito di sopralluogo presso le due cucine della mensa di Santeramo. 

Da oggi i bambini celiaci di Santeramo che frequentano la scuola dell’infanzia non potranno usufruire del servizio della mensa scolastica. A decidere questa esclusione sono stati alcuni Ispettori della Asl i quali, a seguito di sopralluogo alle due cucine della mensa – una presso la scuola di Via Quasimodo e l’altra presso la Hero Paradiso, hanno imposto l’interruzione del servizio perché alcune strutture non sono state trovate adatte ad espletare questo specifico servizio per i bambini celiaci. Per poterlo ristabilire sono necessarie alcune modifiche che comporteranno ovviamente l’assunzione di spese. Da oggi, quindi, questi bambini dovranno necessariamente abbandonare la scuola all’ora dei pasti contrariamente a tutti gli altri che vi rimarranno regolarmente. Forse, l’uscita anticipata di questi bambini, ancorché pochi fortunatamente, susciterà qualche difficoltà per le famiglie di appartenenza soprattutto se i loro genitori sono lavoratori. Ma chi ha richiesto il sopralluogo della Asl? E’ stato il Comune di Santeramo che ha maldestramente interpretato un post su facebook di un cittadino santermano che si lamentava del fatto che il figlio portava a casa frutta scaduta. Pieno di genialità, il Comune ha quindi confuso il progetto ministeriale per il consumo della frutta da parte dei bambini con il servizio mensa di cui sinora nessuno si è mai lamentato perché sempre espletato con alto scrupolo professionale da parte della Cooperativa santermana da tanti anni a questa parte, riscuotendo fiducia e consenso da parte di tutti. Due cose diverse che sono state stranamente confuse per motivazioni che ci piacerebbe conoscere. Da oggi, pertanto, questa zappata sui piedi che il Comune si è dato da solo, costerà caro ai nostri bambini celiaci fino a quando non saranno attuate le prescrizioni degli Ispettori Asl.

2 commenti

  1. E’ stato veramente confuso il progetto ministeriale x il consumo della frutta da parte dei bambini, con il servizio mensa ?
    La serietà della cooperativa che gestisce il servizio mensa è riconosciuta da tutti.
    Probabilmente sono altri gli appetiti da sfamare.
    Vedremo

  2. Mandare i controlli…per una mela scaduta?!!!
    Mah…….!!!
    Siamo veramente arrivati alla…FRUTTA !!!!!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.