14/08/2022 13:53
DA DIVERSI GIORNI BLOCCATO IL SITO DEL COMUNE DI SANTERAMO

DA DIVERSI GIORNI BLOCCATO IL SITO DEL COMUNE DI SANTERAMO

Molto grave anche perché, per scelta politica, l’informazione istituzionale non è stata mai avviata.

Da diversi giorni il sito istituzionale del Comune di Santeramo è bloccato. Anche nei giorni scorsi si è verificata la stessa cosa. Ma questa volta, il blocco dura già da diversi giorni. E’ da pensare che sia veramente grave la “malattia” di cui è stato colpito. Da nessuna parte si apprende quando il sito ritornerà in salute. Eppure questo sito è stato aggiornato da poco tempo a fior di migliaia di euro. Il precedente che l’Amministrazione Comunale ha mandato in soffitta, ha avuto una durata ultradecennale senza mai dimostrare segni di sofferenza. Anzi, a paragone del nuovo sito, era molto maneggevole e pratico. Ad esempio, per entrare nel sito “trasparenza” per prendere conoscenza della patrimonialità degli Amministratori Comunali, bastava qualche clic. Con questo, occorre avere accanto alla tastiera del computer, un “vocabolario” per capirci qualcosa. Se, altresì, si tiene conto che il sito del Comune è l’unico strumento per venire a conoscenza solo di qualcosa della vita amministrativa che per legge non può essere nascosto come la pubblicazione degli atti amministrativi all’albo pretorio, si comprende che la indisponibilità del sito comunale è di una gravità inaudita che toglie quel filo di ossigeno al cittadino per sentirsi parte di una comunità. Una delle colpe più gravi – se non la più grave – dell’Amministrazione Comunale è di aver compiuto dal primo giorno del suo insediamento la scelta politica di tenere lontani i cittadini dall’attività amministrativa, non essendosi dotata di un servizio di informazione adeguato che è alla base di una comunità che si nutre di trasparenza. Fino a qualche anno fa TRC era a servizio della comunità santermana e molto ha fatto e ha detto per la sua crescita culturale. Prima D’Ambrosio e poi Baldassarre l’hanno tolta di mezzo facendo un danno notevole soprattutto alle generazioni adulte che hanno poco confidenza con gli strumenti tecnologici del nostro tempo. Eppure speravo che il sindaco Baldassarre avrebbe invertito la rotta intrapresa dal sindaco precedente. All’indomani del suo ingresso in palazzo municipale, infatti, il sindaco Baldassarre ebbe a dire rispetto all’uso di TRC dinanzi al direttore Mario Digregorio, accompagnato da alcuni giornalisti, che “qualche cosa la faremo”. Dopo cinque anni, anche questa promessa, come tantissime altre, non ha visto la luce. Ora anche il sito, unica fonte di informazione, è a secco. Fino a quando?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.