CRISI AMMINISTRATIVA SENZA FINE…. LA NOTA DEL CONSIGLIERE MICHELE DIGREGORIO

La notizia di queste ore circa l’uscita del Consigliere Tritto dal PD per aderire al gruppo Misto (che dopo
l’ingresso dei Consiglieri Giannini e Gatti, oggi diventa il gruppo numericamente più importante), ci fornice
la dimostrazione evidente ed inequivocabile della profonda crisi politica-amministrativa in cui versa la
amministrazione Casone.
La storiella del Sindaco Casone con cui dichiara che trattasi solamente di lievi scosse di assestamento e/o
riposizionamento di alcuni Consiglieri all’interno della stessa maggioranza, sembra non reggere più; così
come le affermazioni dello stesso Sindaco in occasione della conferenza di fine anno “bene, va tutto bene”,
mi sembra la riproduzione di uno spot televisivo di una nota compagnia di assicurazione “bene, bene, va
tutto bene” mentre piove!
La crisi economica che coinvolge un numero sempre maggiore di attività economiche, la emergenza
occupazionale dei giovani e di un numero sempre crescente di capi famiglia, i (colpevoli) ritardi sulla
approvazione del PUG, dei Piani di lottizzazione edilizia, della possibilità di richiedere l’inserimento di
Santeramo nelle Zone Economiche Speciali, l’aggiornamento del Piano Strategico del Commercio, la
partecipazione ai nuovi Bandi per intercettare Fondi del PNRR a beneficio della nostra comunità anche per
creare nuove opportunità di lavoro, per progetti a favore delle fasce sociali più fragili (l’elenco dei ritardi è
molto lungo, senza dimenticare la consegna delle “Card alimentari” senza fondi), richiede la presenza di una
amministrazione nel pieno dei propri poteri.
I piccoli interventi sulla pulizia di qualche strada, il taglio di alcuni arbusti, qualche manifestazione estiva
e/o in occasione delle festività natalizie, sono sicuramente atti importanti di ordinaria amministrazione ma
non certamente per far riprendere la città di Santeramo dal declino in cui versa ormai da diversi anni.
Il Sindaco Casone ritengo che debba presentarsi in Consiglio comunale per aprire ufficialmente (alla luce del
sole) lo stato di crisi politica-ammnistrativa della sua amministrazione e dichiarare i passaggi politici che
intende fare; se ci sono le condizioni per proseguire, bene che si vada avanti speditamente nell’interesse
della comunità santermana, diversamente, suggerisco l’approvazione in tempi brevissimi del Bilancio
comunale di previsione per poi prendere atto della fine di questa esperienza amministrativa; cogliendo
l’opportunità della finestra elettorale della prossima primavera.
La nostra città non può accettare una lunga gestione commissariale e men che mai merita una
amministrazione che vive “alla giornata” senza alcuna prospettiva.
Santeramo, 4 gennaio 2023
Michele Digregorio

Check Also

PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE. LA FOTOGRAFIA DEL TERRITORIO A CURA DEL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE

Si terrà oggi lunedì 27 novembre alle  18 nella biblioteca comunale  Giovanni Colonna il convegno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

;