04/08/2021 05:07
COVID, INVASIONE CINGHIALI LA PROTESTA DEGLI  AGRICOLTORI SUL LUNGOMARE DI BARI

COVID, INVASIONE CINGHIALI LA PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI SUL LUNGOMARE DI BARI

Giovedì 8 luglio 2021
alle ore 9,00 davanti al Palazzo della Regione Puglia

 Con la pandemia assalto a campagne e città 
Scoppia la protesta a Montecitorio e in tutte le regioni

Non è mai stato così alto l’allarme per l’invasione di cinghiali in Italia che con l’emergenza Covid hanno trovato campo libero in spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini. Gli animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti e si spingono fino all’interno dei centri urbani dove razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone #bastacinghiali.

Una situazione che ha ormai oltrepassato il limite di guardia con gli agricoltori esasperati che giovedì 8 luglio 2021 dalle 9.00 scatenano la più grande protesta mai realizzata prima nella Capitale e con le mobilitazioni in tutte le regioni e in Puglia a Bari, davanti al Palazzo della Regione Puglia sul Lungomare Nazario Sauro con il coinvolgimento di decine di migliaia di agricoltori, allevatori, pastori e cittadini e le dolorose testimonianze di chi è stato personalmente colpito ed ha paura per l’incolumità della propria famiglia.

L’obiettivo è denunciare una emergenza nazionale che sta provocando l’abbandono delle aree interne, problemi sociali, economici e ambientali.

Per l’occasione sarà diffuso l’esclusivo Dossier Coldiretti su “Covid e l’assedio dei cinghiali in Italia”, sui rischi per la sicurezza, l’ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.

 

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.