29/07/2021 20:37
COVID: COME UN GRAN BOTTO DI CAPODANNO

COVID: COME UN GRAN BOTTO DI CAPODANNO

Martedì 15 dicembre Consiglio Comunale, occasione importante per unire energie, pensieri e decisioni.

Nella giornata di ieri, il Sindaco prof. Fabrizio Baldassarre, nel dare notizia che attualmente i contagiati santermani sono 262 (senza specificare null’altro), ha pure reso noto quanto segue:

“La Regione Puglia ha fornito una serie di dati attraverso cui poter trarre deduzioni circa l’andamento dell’epidemia a Santeramo. Nella settimana compresa tra il 9 ed il 15 novembre sono stati registrati 110 casi di persone positive. In quella successiva (16/22 novembre) si è registrato il dato più alto con 144 casi. Nella settimana tra il 23 e il 29 novembre, invece, i casi sono scesi a 92 e nell’ultima (per i quali sono disponibili i dati) ovvero 30 novembre/6 dicembre sono stati registrati 69 casi di nuovi contagi”

Come un gran botto di Capodanno!!! Tanto a dire che dal 6 novembre al 6 dicembre i contagiati a Santeramo sono stati 415 che, sommati alla informativa del Sindaco del giorno 6 novembre “Soltanto ieri (ndr 5 novembre) il primo cittadino aveva comunicato che i casi a Santeramo erano 71”, il totale dei contagiati ha raggiunto quota 486, quanti ne avevamo preventivati all’inizio di novembre con altra nostra news. Per nostra fortuna, se i contagiati di oggi sono “soltanto” 262, sta a significare che, per grazia di Dio, 224 santermani sono guariti.

Il nostro modesto ragionare era dunque fondato quando abbiamo intitolato la news del 28 novembre “Covid: Santermani fortunati? perché non affatto convinti che, mentre nella Regione Puglia i contagi salivano alle stelle, a Santeramo la situazione ristagnava.

Ma questi calcoli non li deve fare l’ultimo della classe che è la persona che scrive, bensì tocca al Sindaco non per dimostrare che è bravo in matematica quanto per allertare la cittadinanza che Santeramo per almeno un mese ha avuto un contagiato ogni 55 cittadini (26.500 : 486).  Roba da spavento! durante il quale Santeramo è stata a tutto spiano città rossa senza che sia stato adottato nessun provvedimento incisivo di contrasto alla diffusione del virus (chiusura delle scuole come hanno fatto i Sindaci di Gravina, Acquaviva delle Fonti, ecc., chiusura degli spazi pubblici, chiusura del mercato settimanale, e così via dicendo).

Inoltre sarebbe stato più opportuno che il Sindaco avesse detto quando la Regione Puglia ha comunicato questi dati allarmanti atteso che ha sempre affermato che i numeri pervenivano dalla Prefettura di Bari.

Se per un verso è consolante che tantissimi santermani sono guariti, non si sa nulla su coloro i quali sono ancora contagiati per i quali auguriamo per tutti una prontissima guarigione. Ci chiediamo (come sempre): sono ricoverati? Sono giovani o anziani? Sono in terapia intensiva? cioè il dato complessivo va frazionato in tutte le sue componenti.

Infine, nulla si sa sul numero dei decessi. Ogni tanto arriva voce di Santermani (anche coniugi) che sono deceduti ai quali va la nostra umile preghiera in suffragio e il cordoglio sincero ai famigliari.

Se tra le righe di questa news qualcuno trova spirito di polemica, se lo togliesse dalla testa. Come santermano, e interpretando il pensiero di tanti altri concittadini, avverto che la preoccupazione è altissima. Conoscere aiuta molto a capire in ambito locale in che mondo stiamo vivendo.

Martedì 15 dicembre, Consiglio Comunale. Sarebbe davvero il caso che dono dieci medi pandemia, se ne discutesse per alzare l’indice verso chicchessia, quanto per unire energie, pensieri e decisioni.

 

 

 

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.