29/05/2022 12:59
AZIONE FUORI DAL CENTRO SINISTRA

AZIONE FUORI DAL CENTRO SINISTRA

Questa storia era stata già scritta.

Il segretario di Azione comunica quanto segue:

“Il gruppo Santeramo in Azione nella persona del suo segretario, ingegner Giuseppe Leo, annuncia la decisione presa dal gruppo dirigente della sezione cittadina di uscire dal tavolo di coalizione di centro sinistra dopo una lunga e attenta riflessione al proprio interno. Visti i vari dissidi interni al tavolo stesso, vista la contrarietà espressa più e più volte nei confronti dello strumento delle primarie (che Azione ha subito dai vertici regionali di altri partiti), vista la mancanza di condivisione, di programmi e idee all’interno del gruppo, annuncia la sua volontà di tirarsi fuori dal tavolo stesso. La coerenza è un valore imprescindibile, per questo alla luce dell’uscita dalla coalizione degli amici di Sinistra Italiana, ci vediamo costretti a fare lo stesso, vista la mancata coesione ed unità di intenti tra tutti gli attori. Azione si riserva di comunicare quanto prima la nuova collocazione all’interno di una nuova coalizione o anche una eventuale corsa in solitaria. La decisione sarà annunciata, in primis alla cittadinanza, nelle prossime ore”.

Per chi segue le nostre riflessioni “al buio” per mancanza di continui aggiornamenti da parte degli attori interessati alla competizione amministrativa locale, questa storia era stata già scritta. E’ sufficiente rileggere le nostre news per rendersi conto. Le primarie a due, inevitabilmente, dovevano sortire l’effetto di scoraggiare lo sconfitto a proseguire sulla strada intrapresa per cui apprendiamo da questo comunicato che Sinistra Italiana si è chiamata fuori. Ovviamente, appena possibile, attendiamo conferma direttamente dall’amico Michele Cardascia che in questi giorni è stato colpito dal dolore della perdita della sua cara mamma. Per Azione, invece, nessuna novità. Sin dall’inizio si è mossa in chiave “acchiappa voti” in vista delle politiche del 2023. Per questa ragione, l’ancoraggio nel centro sinistra non può portare voti perché ogni formazione politica proporrà un proprio candidato nella elezioni politiche del 2023. Per l’On. Angiola, quindi, “non c’è trippa per gatti”. Allora la banale invenzione di non aver condiviso le primarie. Angiola è già tra le braccia del candidato Michele D’Ambrosio il quale, come rappresentante di lista civica, potrà assicurare all’onorevole una manciata di voti che nel centro sinistra non avrebbe potuto avere. Staremo a vedere “nelle prossime ore”.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.