BALLOTTAGGIO A SANTERAMO IN COLLE , SFIDA FINALE TRA CASONE E NUNZIO ZEVERINO DIGREGORIO

Riaprono i seggi  .  I cittadini di  Santeramo sono chiamati a votare per decidere chi amministrerà la città per i prossimi cinque anni .  I seggi saranno aperti domani (domenica 23giugno) dalle 7 alle 23 e lunedì (24 giugno) dalle 7 alle 15. Ieri  con i comizi finali si  è chiusa la lunga ed infuocata  campagna elettorale  , tra i due candidati in corsa e arrivati al ballottaggio per contendersi la poltrona da sindaco di  Santeramo in colle .  Una sfida senza esclusioni di colpi, quella che ha visto protagonisti in queste ultime due settimane i due competitor arrivati al ballottaggio su  quattro  candidati sindaco del primo turno,  Vincenzo Luciano  Casone e Nunzio Zeverino Digregorio . Fuori dalla contesa gli altri due candidati alla carica di primo cittadino Maria Antonietta Panzarea e Teresa Patrizia Paradiso – A sfidarsi  quindi da in lato Casone il sindaco uscente , sfiduciato lo scorso mese di gennaio appoggiato  da 6 liste  Partito Democratico, Popolari con Casone, Insieme per Santeramo, Puglia Favorevole, Civismo per Santeramo e Santeramo al Centro che al primo turno ha ottenuto il 32,47 % 4.949 voti  , risultando il più suffragato .Dall’altro lato il presidente del consiglio uscente  Zeverino Digregorio  sostenuto da   4 liste :  Forza Italia, èPolitic@, Valore per Santeramo – Nunzio Zeverino sindaco e i Liberali per Santeramo che al primo turno hanno raggiunto una percentuale complessiva del  25,55% e 4.045  voti .Per il secondo turno nessun apparentamento ,infatti   non potranno contare sull’appoggio  delle  due candidate sindaco escluse dal ballottaggio  e  le liste che le  hanno sostenute,  La settimana  appena  trascorsa , l’ultima per convincere i  santermani  a votare è stata caratterizzata da aspre polemiche, tensioni  e sono volati  stracci e querele. Come per il primo turno potranno votare, nel proprio seggio elettorale, tutti i cittadini maggiorenni con diritto di voto che saranno muniti di tessera elettorale e documento di riconoscimento, anche quelli che non hanno votato al primo turno. Una volta entrato nella cabina elettorale, il cittadino troverà davanti a sé una scheda apposita per il ballottaggio comprendente il nome e il cognome dei dei due candidati alla carica di sindaco che hanno preso il maggior numero di voti, scritti in alto all’interno ciascuno di un proprio rettangolo, sotto il quale verranno raffigurati i simboli delle liste che sostengono il candidato. Il voto si esprime soltanto barrando (in pratica mettendo una croce) sul rettangolo nel quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto.

Check Also

AL VIA MURGIAFEST- ECOFESTIVAL 12 E 13 LUGLIO IN PIAZZA BERLINGUER

Arriverà domani “U mègghe jé u prèste”, l’edizione 2024 del Murgiafest – Ecofestival dell’Alta Murgia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

;