23/11/2017 23:22
VENERDI’ ULTIMO CONSIGLIO DEL 2016

VENERDI’ ULTIMO CONSIGLIO DEL 2016

Eliminati dall’odg il rimborso oneri e la presa d’atto della Corte dei Conti. Perché?

Trascriviamo in forma integrale l’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio Comunale del 2016, convocato per venerdì 30 dicembre:

  1. Riconoscimento, ai sensi dell’art. 194, comma 1, lettera a), del d.lgs. n. 267/2000, della legittimità del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza civile n. 20/2016 emessa dal Giudice di Pace di Bari, a conclusione del giudizio R.G. n. 319/2012;
  2. Riconoscimento, ai sensi dell’art. 194, comma 1, lettera a), del d.lgs. n. 267/2000, della legittimità del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza civile n. 4593/2016 emessa dal Tribunale di Bari, a conclusione del giudizio R.G. n. 91000475/2008;
  3. Riconoscimento, ai sensi dell’art. 194, comma 1, lettera a), del d.lgs. n. 267/2000, della legittimità del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza civile n. 3838/2016 emessa dal Tribunale di Bari, Sez. Lavoro, a conclusione del giudizio R.G. n. 16555/2003;
  4. Riconoscimento della somma dovuta, quale debito fuori bilancio ai sensi dell’art. 194, primo comma lett. e), del D.Lgs. n. 267/2000, in favore della ATO Autorità Idrica Pugliese per la gestione del servizio idrico integrato della Regione Puglia, quale quota contributo nell’anno 2015;
  5. Riconoscimento, ai sensi dell’art. 194, comma 1, lettera a), del d.lgs. n. 267/2000, della legittimità del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza civile n. 3533/2016 emessa dal Tribunale di Bari – Sez. Lavoro, a conclusione del giudizio R.G. n. 13;
  6. Variazione al Bilancio di Previsione finanziario 2016/2018. Ratifica delle deliberazioni di Giunta Comunale n. 235 in data 29.11.2016 e n. 239 in data 30.11.2016, adottate ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs. n. 267/2000;
  7. Approvazione del nuovo regolamento comunale di contabilità in attuazione dell’armonizzazione degli schemi e dei sistemi contabili di cui al D.Lgs. 118/2011;
  8. Approvazione programma comunale degli interventi per il diritto allo studio 2017;
  9. Concessione in uso alle comunità parrocchiali santermane della camera mortuaria, presso il Cimitero Comunale, per l’espletamento di riti religiosi;
  10. Piano di lottizzazione comparti maglie n° 29 e n° 30 (Zona C7) – Presa d’atto della ricostruzione del fascicolo tecnico;
  11. Modifica dell’art. 11 del vigente “Regolamento per assegnazione e cessione di aree in zona P.I.P.”, approvato con deliberazione di C.C. n. 39 del 30.06.2008.Piano di Lottizzazione del comparto n. 5 del P.R.G. proposto dal consorzio Santeramo 2005 – Presa atto di rinuncia e revoca della D.C.C. n. 31 del 19.06.2008;
  12. Presa d’atto della Ricognizione degli Organismi, Enti e Società Controllate e Partecipate costituenti il Gruppo Amministrazione Pubblica del Comune di Santeramo in Colle ai fini della individuazione dell’area di Consolidamento per la predisposizione del Bilancio Consolidato dell’esercizio 2015 ai sensi dell’art. 11-bis del D.Lgs. n. 118/2011 giusta delibera di Giunta Comunale n. 193 del 30.09.2016.
  13. Servizio di gestione, pulizia manutenzione e custodia dei bagni pubblici comunali ubicati in via Torino e via Anna Frank – Atto di indirizzo;
  14. Acquisizione al patrimonio comunale della strada denominata Traversa di Via Fratelli Cervi.

I nostri affezionati lettori sanno che, in queste ed altre circostanze, non possiamo aggiungere o togliere nulla per chiara scelta politica dell’Amministrazione Comunale di far mancare dal primo giorno del suo insediamento ogni genere di informazione istituzionale alla cittadinanza.

Presto dovrà dar conto di questo voluto silenzio. I Cittadini devono pagare le tasse ed obbedire. Come spendere i soldi ci pensa il sindaco, in primis, e pochi altri.

TRE OSSERVAZIONI POLITICHE

  1. Dopo cinque legnate che il consigliere Piero Girardi ha ricevuto nelle ultime cinque sedute consiliari, non è stato inserito all’ordine del giorno l’argomento riguardante il rimborso degli oneri di urbanizzazione. Vi sarà pur un motivo?!? Nessuno lo esterna. Nemmeno il diretto interessato che di motivi ne avrebbe mille. Lui preferisce continuare a fare il “Don Abbondio” della situazione, vale a dire il codardo senza rendersi conto che la dignità personale e politica vale molto di più di un rimborso.
  2. Non è stata inserita nemmeno la presa d’atto richiesta dalla Corte dei Conti dopo che nelle ultime cinque sedute, tanti “coniglieri”, scappando dall’aula consiliare per non approvare il provvedimento “rimborsi oneri”, hanno trovato la comoda scusa di non imbattersi in questa presa d’atto. La Corte dei Conti, per sua natura, chiede chiarimenti sulle entrate e sulla spesa pubblica. Per caso, c’è qualcosa che non va al Comune di Santeramo? E chi ce lo dice?
  3. Viene riproposto al punto 9 l’argomento della concessione in uso della Cappella della Divina Misericordia alle Parrocchie Santermane, sul quale non tutti i resti della maggioranza di centro sinistra erano prima d’accordo. Come andrà a finire questa volta?

MA C’E’ UN’OSSERVAZIONE FINALE

Qualcosa è cambiato sotto il profilo politico dall’ultima seduta consiliare del 21 novembre scorso. Il PD, SEL o ex SEL e Socialisti Riformisti hanno lanciato la “piattaforma programmatica” in vista delle elezioni amministrative del 2017. Movimento per Santeramo e Ud hanno costituito il Polo dei Moderati di Santeramo. All’interno di questa sfibrata maggioranza, vi sono ufficialmente due mini coalizioni. Conviveranno fino al termine della legislatura o saranno separati in casa?

Ore 17:30, sala consiliare, Palazzo Municipale.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*