25/11/2017 07:00
TAVOLA ROTONDA “IL MODELLO DI SVILUPPO TERRITORIALE NEL NUOVO PSR”

TAVOLA ROTONDA “IL MODELLO DI SVILUPPO TERRITORIALE NEL NUOVO PSR”

Illustrate le linee guida della nuova programmazione dei fondi comunitari 2014/2020, destinati all’agricoltura pugliese.

Si è svolta ad Altamura,  sabato 11 ottobre, la Tavola Rotonda ” Il modello di sviluppo territoriale nel nuovo PSR”, durante la quale sono intervenuti: il Vice Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Andrea Olivero, il Senatore della Repubblica, Dario Stefàno, l’Assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni, il Capo del Dipartimento delle Politiche Europee, Internazionali e dello Sviluppo Rurale, Giuseppe Blasi e il Direttore dell’Area Politiche per lo Sviluppo Rurale – Autorità di Gestione PSR 2007/2013, Gabriele Papa Pagliardini, il consigliere regionale, Michele Ventricelli, il Presidente del GAL Terre di Murgia, Vito Dibenedetto e il Direttore Tecnico del GAL Terre di Murgia, Pasquale Lorusso.

Politiche di sviluppo locale, nuove linee strategiche, integrazione, competitività in chiave sostenibile, agricoltura come elemento identitario. Questi alcuni temi discussi durante l’incontro in cui sono state illustrate le linee guida della nuova programmazione dei fondi comunitari 2014/2020, destinati all’agricoltura pugliese.

Le possibilità offerte con la nuova stagione della Politica Agricola Comunitaria costituiscono una sfida per le nostre aree rurali” ha dichiarato il Vice Ministro Andrea Olivero “rafforzare la competitività in chiave sostenibile diviene un’opzione strategica da interpretare a livello locale per un armonioso sviluppo territoriale. Tutto questo è possibile mettendo in campo le energie e le migliori forze, come è avvenuto nel territorio che oggi ci ospita“.

Partendo dai risultati importanti raggiunti nella scorsa programmazione che ha consolidato un modello di sviluppo pugliese in cui l’agricoltura ne è l’elemento identitario” ha dichiarato il Senatore Dario Stefàno “oggi siamo orientati verso obiettivi ancora più ambiziosi, investendo sui giovani e puntando sull’enogastronomia, ai fini di un’offerta turistica diversificata”.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*