23/11/2017 04:56
“SONO UN AMICO DI SUO FIGLIO, HA BISOGNO DI 500 €” E RAGGIRA UN’ANZIANA

“SONO UN AMICO DI SUO FIGLIO, HA BISOGNO DI 500 €” E RAGGIRA UN’ANZIANA

 

A Santeramo cade nella trappola una povera donna di 83 anni che ha consegnato nelle mani del finto amico del figlio 500 euro.

Si è presentato come un amico del figlio e ha raggirato un’anziana santermana. Il nuovo tipo di truffa che nell’ultimo mese si è verificato 4-5 volte nella vicina Gioia del Colle, ha colpito anche Santeramo. Venerdì scorso un uomo dall’aspetto curato, vestito con giacca e cravatta, con accento italiano ha suonato al portone di casa di una 83enne che vive sola nei pressi della scuola Balilla e si è fatto aprire. “Sono un amico di suo figlio, lui ha avuto un incidente” poi fingendo di essere in contatto telefonico con lui, ha detto alla nonnina che il figlio aveva incaricato lui per prendere la somma di 500 euro necessaria a sbrigare una pratica amministrativa relativa all’incidente stradale in cui era rimasto coinvolto il figlio. Quando la povera donna, preoccupata, ha chiesto di poter parlare al telefono con suo figlio, il truffatore ha simulato di non sentirlo più per l’assenza di rete.  L’uomo carpendo l’assoluta buona fede della sua vittima e giocando con la naturale apprensione della donna si è fatto consegnare il denaro e con calma e garbo si è allontanato dall’abitazione.  Al ritorno in casa del figlio, l’anziana ha raccontato tutta la storia tra l’incredulità dell’uomo che ha spiegato di non aver avuto alcun incidente stradale e di non aver dato mandato a nessun suo amico di ritirare dei soldi. Il fatto è stato così denunciato ai Carabinieri che indagano sull’accaduto. Ora si spera che il truffatore possa essere presto scoperto.
Lo stratagemma del finto amico che simula una telefonata e inventa il coinvolgimento del figlio della nonnina in un incidente stradale per cui servono soldi va a segno poichè fa leva sulla debolezza degli anziani. Il truffatore con occhio scaltro e attento sceglie gli anziani predestinati alla truffa, s’informa e una volta in possesso di nomi e riferimenti reali a figli, agisce a colpo sicuro.
I Carabinieri della locale stazione raccomandano tutti i cittadini, in caso di situazioni analoghe, di telefonare sempre prima ai propri familiari per accertarsi di quanto raccontato, di non aprire la porta di casa a sconosciuti e di non consegnare né soldi, né oggetti di valore. In caso di sospetto, non esitate a chiamare le forze dell’ordine perchè, a quanto pare, potrebbe trattarsi di una truffa.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*