19/06/2018 12:52
SANTERAMO IN LAVATRICE

SANTERAMO IN LAVATRICE

Era già sporca prima. Figurarsi oggi.

 

La sofferta festa patronale in onore di S. Erasmo, edizione 2015, è alle nostre spalle. Quando una qualsiasi festa si svolge in casa con numerosi invitati, la prima cosa che normalmente si fa, è rimetterla in sesto ad iniziare dalle pulizie. Non c’è angolo che viene trascurato. Ebbene, la stessa cosa deve valere per la nostra casa cittadina. Anzi, di più. Santeramo va messa in lavatrice. Era già sporca prima. Figurarsi oggi. Non vogliamo ritornare nello spiacevole ricordo delle strade adornate di rifiuti o dei contenitori stracolmi tra i quali il nostro Sant’Erasmo è stato portato in processione. Lo hanno visto tutti. Anche i nostri gemelli tedeschi. Che schifo! Vogliamo, invece, evidenziare la sporcizia prodotta dai nostri amici di colore. Si è parlato di un migliaio. Tendopoli dovunque, cucine da campo improvvisate, strade maleodoranti, sudiciume da tagliare con il coltello, rivoli di esigenze umane e tanto altro ancora. Santeramo non può essere trattata così. E’ stata una invasione di campo inaccettabile. Sia chiaro: non sono mai stato un razzista. Però, così non si fa. Allora per la prossima festa patronale, quando saranno di più di mille, è bene pensarci da ora. Per questi nostri amici, va attrezzata un’area con tanto di adeguati servizi igienici. Chiamatelo pure “albergo sotto le stelle” dove tutti devono poter allestire la propria tenda; dove potersi sfamare. Per il momento, si metta Santeramo in lavatrice.

5 commenti

  1. Altra perla del nostro amatissimo sindaco!!
    Poche ore fa, su fb, ha risposto ad una mamma che si è lamentata del ritardo lavori presso la scuola Romita.
    Come suo costume, dopo una breve autocelebrazione, ha scaricato la responsabilità sulla Dirigente Scolastica, che ,a suo parere, non ha aperto la scuola agli operai, causando il ritardo dei lavori.
    Personalmente mi sembra una scusa molto fantasiosa, ma il sindaco si ricordi che i lavori presso la scuola San Francesco dovevano terminare entro il 15 ottobre 2014. I lavori sono ancora in atto, il cantiere palestra è ancora aperto e i nostri bambini hanno respirato POLVERI SOTTILI per TUTTO l’ANNO.
    Ma forse il ritardo è dovuto perchè la Dirigente avrà fatto rifrequentare la Primina agli operai?!!! Ahahahah.
    Sindaco ormai ha l’età per fare la persona SERIA!!!

    • Ah..ah..ah..ah…gli operai trovano la scuola chiusa e se ne vanno a festeggiare la fatuarì.
      E l’immondizia, con i cassonetti stracolmi da 5 giorni, perchè non è stata raccolta, per non disturbare la festa?!
      Sarà perchè il sindaco, invece di scaricare i cassonetti, è un grande esperto in SCARICA-BARILE!!!
      Ah..ah..ah…è tutta una comica!!

  2. Circolano voci che il sindaco non ha autorizzato i fuochi d’artificio.
    Su FB il sindaco ha scritto:
    “Poveri loro dicono bugie sapendo di fare del male. Perche? Cosa ci guadagnano? Si sentono meglio?”
    Detto da lui che ogni giorno racconta ai santermani “la sua bugia quotidiana” mi sembra una BEFFA!!
    Sindaco finora sei tu che hai mentito su tante cose….e TU cosa ci hai GUADAGNATO?!!! E come ti SENTI?!
    Evidentemente sai che a MENTIRE ci si SENTE MEGLIO e ci si GUADAGNA Molto!!!

  3. Sarebbe interessante sapere se per il sindaco è più umano accogliere i futuri immigrati, o per lui è più importante raccogliere i contributi che arriveranno?!!
    Il sindaco deve sapere che i contributi ad un certo punto finiscono, ma gli immigrati rimangono, e se ha intenzione di sistemarli nel famoso Centro di Accoglienza, che sta costruendo, dopo chi manterrà le spese di questo Centro? Naturalmente Noi Santermani!!!
    VERGOGNOSO SPECULARE SULLA POVERA GENTE, PAVENTANDO SENTIMENTI UMANITARI!!!

  4. giuseppe molinari

    per i piddini la coerenza non esiste, l’importante è accogliere tutti. se volete accoglierli perchè non li portate a casa vostra? i cittadini dal profondo del cuore vi ringrazieranno.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.