23/11/2017 14:14
SANTERAMO DI NUOVO SUL TAVOLO DEL PREFETTO

SANTERAMO DI NUOVO SUL TAVOLO DEL PREFETTO

La richiesta di convocazione del consiglio comunale da parte di quattro consiglieri comunali non viene presa in considerazione. Gli stessi consiglieri interessano il Prefetto.

Troppe lettere, troppe denunce, troppe segnalazioni occupano da qualche tempo la scrivania del Prefetto di Bari. Tutte “made in Santeramo”. Per ultimo la violazione dell’art. 37 del regolamento comunale prodotta dai consiglieri comunali che si sono visti rifiutare la convocazione di un importante seduta consiliare. Quale sarà l’epilogo di tanto malcontento, di tanta distanza tra il potere di chi amministra e una comunità che sta subendo ciò che non avrebbe mai potuto immaginare. Non possiamo più neanche parlare di mancanza di democrazia perchè gli episodi che stanno accadendo vanno oltre qualsiasi dittatura. Se è vero che Santeramo in passato non sia stata amministrata candidamente, è vero anche che nessuno ricorda di aver mai attraversato un periodo politico così scadente. Presto il conto lo pagheranno soprattutto i nostri ragazzi.

Di seguito la nota dei quattro consiglieri:

“L’amministrazione D’Ambrosio si è rifiutata di convocare una seduta urgente del Consiglio Comunale richiesta dai consiglieri di opposizione Caponio, Larato, Silletti e Volpe con l’o.d.g. la revoca delle ordinanze con cui è stato invertito il senso unico di via Jacoviello e la soppressione delle fermate degli autobus.

Perciò in data 18 settembre i suddetti consiglieri di opposizione sono stati costretti a investire il Prefetto per ripristinare la democrazia.

Questo ennesimo episodio dimostra ancora una volta la lontananza di questa Amministrazione dai cittadini.

Noi tutti ribadiamo la volontà di dare voce al disagio di pendolari, residenti e operatori commerciali di via Jacoviello e non solo, e ci impegneremo strenuamente per modificare provvedimenti che rispondono più a capricci o oscuri interessi, che alle esigenze della popolazione”.

I consiglieri comunali Caponio, Larato, Silletti e Volpe

LA NOTA INVIATA AL PREFETTO

 

Un commento

  1. una mattina mi son svegliato e ho trovato…dambrosio e sportelli…o cittadini,opposizione,giornalisti portateli via
    caro sindaco i santer mani sono stanchi un barlume di saggezza ti costringerebbe a dimetterti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*