23/11/2017 04:54
RITORNA IL PARCHEGGIO A PAGAMENTO

RITORNA IL PARCHEGGIO A PAGAMENTO

Gli stalli a pagamento, ci sembra, saranno dotati di sensori un po’ simili a quelli utilizzati nella Formula 1.

Con deliberazione di Giunta n. 247 del giorno 11 dicembre 2015, pubblica all’albo pretorio on line del Comune di Santeramo il 21 gennaio 2016, abbiamo appreso che a Santeramo sta per ritornare il parcheggio a pagamento. Nella parte narrativa della deliberazione si legge che questo ritorno, dopo diversi mesi di sospensione, rientra “tra gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale per eliminare fenomeni di sosta selvaggia, consentire il regolare e ordinato andamento della viabilità, incentivare l’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi alle autovetture privare, quali mezzi pubblici, biciclette, percorsi pedonali al fine di salvaguardare l’ambiente circostante”. Intenti sicuramente nobili ma che, per chi conosce la nostra amata Santeramo, non ci appartengono più di tanto. Superfluo, quindi, ogni commento. Più giusto ed onesto, sarebbe stato affermare che il ritorno della sosta a pagamento serve per fare cassa.

Nella stessa parte narrativa, si fa riferimento ad una precedente deliberazione di Giunta, la n. 168 del giorno 8 settembre 2015, con la quale si conferiva atto di indirizzo ai competenti uffici comunali per prevedere “la progettazione di una struttura innovativa tecnologica che implementi un sistema di parcheggio intelligente basato su sensori per il monitoraggio e la comunicazione in tempo reale delle informazioni relative all’area di sosta del Comune di Santeramo”. Ci pare di comprendere che gli stalli di sosta saranno come quelli di Formula 1 che regolano alle monoposto la fermata e la partenza. Sarà così da noi? E’ corretto pensare che non appena l’auto sarà parcheggiata, scatterà il meccanismo per il pagamento? Se così fosse, sarà certamente una innovazione tecnologica importante ma non per il parcheggio intelligente. Potrebbe essere una sottile costrizione per pagare subito e tutti. Se questo fosse lo scopo, non verrebbe da pensare che anche la sosta di pochi secondi negli stalli blu farà scattare l’obbligo del pagamento?

Infine, con la deliberazione di Giunta n. 223 del 13 novembre 2015, veniva dichiarato di pubblico interesse la proposta del promotore New Live Engineering srl. Che significa? Significa forse che la gestione del nuovo sistema di parcheggio a pagamento sarà effettuata, senza gara di appalto, da questa società a responsabilità limitata?

Verso questa società non abbiamo nulla da dire perché non la conosciamo. In giro circola copiosa la voce che il condottiero di questa scelta sarebbe il consigliere Gigino Labarile. Se fosse vero, perché non fornisce delucidazioni alla cittadinanza? Gli saremmo tutti grati. Gli saremo altresì riconoscenti se vorrà anche spiegarci come mai la Cooperativa Sant’Erasmo che ha svolto sin dall’inizio questo servizio, è stata fatta spietatamente fuori. La “politica del forestiero” anche questa volta ha prevalso?

In un secondo momento, elencheremo le vie e le piazze dove sarà regolamentata la sosta a pagamento. Per adesso, rimaniamo tutti con il fiato sospeso nella fiduciosa attesa delle labariliane spiegazioni.

5 commenti

  1. Buongiorno a tutti Voi, a mio modesto avviso credo che bisogna conoscere esattamente la modalità di funzionamento del sistema tecnologico che la società New live Engineering srl di Taranto ha progettato per le soste a pagamento per il comune di santeramo in quanto il pagamento effettivo della sosta sui singoli stalli avverrà solo dopo i primi sei minuti di tolleranza gratis prevista è calcolata automaticamente dal sistema smart parking 4you, il quale prevede questo è tante altre agevolazioni per i singoli cittadini di santeramo, come il pagamento on line del ticket e ………
    Grazie per la cortese attenzione

  2. Sig. Nunzio,

    ma qual’e’ il problema? Per caso PAGARE? Perche’ io mi riferivo solo e soltanto al commento fatto da chi ha scritto questo articolo. Se poi si vuole usare il disco orario, che scommetto la gente nemmeno sa come funziona, allora ben venga, ma insinuare che pagare per pochi secondi e’ sbagliato, bhe’ mi dispiace ma mi trova in disaccordo. A meno che si decida di dare i primi 15-30 minuti gratis e poi far scattare il pagamento, ma tutto questo deve essere controllato o gestito da qualcuno/qualcosa.
    E lei ritiene che un Viglie possa fare questo? Mah….

    Buona serata.

  3. Sono fermamente convinto che serve per fare cassa e sistemare qualche amico. Bastava mettere il parcheggio con disco orario e far rispettare il tutto con multe che in questo caso sarebbero sacrosante. E’ chiaro, Giovanni?

  4. Ok va bene la problematica della mancata assegnazione della gestione tramite la gara di appalto, bisognerebbe fare chiarezza e anche presto!
    Ma non capisco la lamentela “non viene da pensare che anche la sosta di pochi secondi negli stalli blu farà scattare l’obbligo del pagamento”. Ma che vuol dire? E’ chiaro che se si parcheggia si paga e anche solo per una manciata di secondi..ma che ragionamento e’ questo?? Se io dovessi fare una commissione che duri qualche secondo e non volessi pagare, bhe’ ci andrei a piedi o altrimenti pago!
    E’ proprio vero, e’ solo un paese di lamentoni e da una testata giornalistica non mi sarei aspettato una considerazione del genere!
    Non giudico l’operato del Sindaco, ma non e’ che di ogni cambiamento ne dobbiamo fare una polemica. Ovunque si paga il parcheggio e non e’ scritto da nessuna parte che sostare per qualche secondo e’ gratis, e poi chi verifica il tempo di sosta di un auto? Quindi e’ in questo caso che servirebbe veramente una postazione da Formula 1!
    Buona serata.

  5. domenico lorusso

    chiedetelo ai commercianti che lo hanno chiesto e preteso per le loro sacrosante ragioni

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*