20/02/2020 21:24
RIFIUTI ARO/4, ZULLO: “I CITTADINI DEI SETTE COMUNI DEVONO PAGARE E…SORRIDERE ! SE SI LAMENTANO VENGONO QUERELATI .EMLIANO COSA NE PENSA?

RIFIUTI ARO/4, ZULLO: “I CITTADINI DEI SETTE COMUNI DEVONO PAGARE E…SORRIDERE ! SE SI LAMENTANO VENGONO QUERELATI .EMLIANO COSA NE PENSA?

Il presidente del gruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione Michele Emiliano e all’assessore all’Ambiente Gianni Stea

“I cittadini di Altamura, Gravina, Santeramo, Cassano, Grumo, Toritto e Poggiorsini devono pagare una delle TARI più alte d’Italia… e sorridere! A loro è vietato lamentarsi, pena una bella querela da parte della società alla quale è affidato il servizio di igiene urbana dell’ARO/4, la Tecknoservice. La società intende tutelare la propria immagine da ‘deprecabili campagne diffamatorie’ messe in atto sui social e annuncia di aver già IDENTIFICATO gli autori delle lamentele o proteste sul loro servizio. Invece che dare risposte, replicare con i fatti, la società querela!

“Una cosa inaudita! Non so cosa ne pensi il presidente Michele Emiliano, fautore della legge sulla partecipazione (finta), ma qui siamo di fronte a quella che io considero una neppure troppo velata intimidazione ai cittadini. Una minaccia aggravata dal fatto che l’ARO/4 non è dotata, così come è previsto dalla Legge regionale n. 24 del 2012, di una Carta Servizi e di un Sistema di rilevazione del grado di soddisfazione del servizio da parte dell’utente che con la tassazione paga quel servizio al 100%.

“Ora che le città, le periferie, le strade che collegano i sette Comuni siano sporche con rifiuti sparsi dappertutto lo abbiamo denunciato noi per primi, presentando anche un’interrogazione alla quale non è stata data ancora risposta. Il disservizio è un dato di fatto, ma la minaccia al cittadino di non potersi neppure lamentare va ben oltre ogni forma democratica di partecipazione.

“Ribadisco… il democratico Emiliano cosa pensa di questo atteggiamento intimidatorio? E non pensa che sia il caso di far assumere all’Ufficio legislativo regionale la tutela dei cittadini ingiustamente querelati? Sono queste le domande che ho rivolto a lui e all’assessore all’Ambiente Gianni Stea anche con un’interrogazione”. /com

2 commenti

  1. Franco Labarile

    In margine alla esosa problematica Tari colgo l ‘occasione per invitare tutti i mezzi di informazione locali e, in primis, tutte le forze politiche di Santeramo a farsi portavoce nelle competenti sedi Istituzionali del disagio a cui centinaia di cittadini in questi giorni stanno subendo per l’ invio e la notifica di avviso ingiuntivo di pagamento relativi alla Tari a partire dal 2014. Una mancanza di informazione e una erronea interpretazione della normativa sta gravando su molte famiglie santermane. Ill Comune non può ridursi soltanto ad un ‘ agenzia di recupero crediti.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.