21/11/2017 15:06
NATUZZI NON RITIRA I LICENZIAMENTI MA CHIEDE ALTRO TEMPO

NATUZZI NON RITIRA I LICENZIAMENTI MA CHIEDE ALTRO TEMPO

Riceviamo e pubblichiamo.

Oggi, 28 ottobre, alla Regione Puglia la Natuzzi “regala” tanta filosofia ma poca sostanza.
La società del divano continua a giocare sulla pelle dei lavoratori, annunciando la costituzione di nuove società (le famose New Co!) che assorbiranno “gradualmente” solo una parte di lavoratori, naturalmente con l’impegno delle Istituzioni a concedere altri ammortizzatori sociali. Il tutto condito dall’avvallo dei sindacati amici e complici a garantire un po’ di pace sociale.

I lavoratori, che componevano la delegazione dell’USB, hanno ribadito che non ci potrà essere nessuna “sospensione delle iniziative di lotta” senza il ritiro reale dei licenziamenti.

Così come l’USB non accetterà nessuna soluzione che nei fatti rinvia il problema di qualche anno o peggio mese.

Le proposte della Natuzzi di creare nuove società, dove transitare parte dei lavoratori licenziati, significa solamente: meno diritti per i lavoratori (assunti a tutele crescenti) e sgravi e vantaggi economici per il patron Natuzzi. Il tutto condito con aiuti pubblici e senza alcuna garanzia reale di sostenibilità del progetto.
Evidentemente Cgil-Cisl-Uil ieri scrivevano comunicati di fuoco e oggi applaudono al messia Pasquale! Questi signori hanno nei fatti certificato anni di accordi e accordicchi truffa.

Oggi è necessario ri-aprire la vertenza con un tavolo “vero” che discuta del futuro di questi lavoratori all’interno della Natuzzi.

L’’USB, prima del prossimo incontro con Azienda e Regione, convocherà una Assemblea dei Lavoratori per decidere, insieme, le proposte da portare all’incontro e le prossime azioni di LOTTA.
L’USB chiederà, inoltre, ai Presidenti della Puglia e della Basilicata, Emiliano e Pittella, l’apertura di un tavolo interregionale che leghi al reintegro in Natuzzi Spa dei licenziati i forti e cospicui finanziamenti pubblici.

Oggi i lavoratori dell’USB, cosi come fanno con forza e caparbietà da mesi, hanno manifestato e fatto sentire la propria voce anche davanti ai cancelli della Regione Puglia.

L’USB e i Lavoratori della Natuzzi non indietreggeranno di un passo!

USB – Lavoro Privato Puglia
USB – Coordinamento lavoratori Natuzzi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*