20/11/2017 22:06
MOZIONE DI SFIDUCIA AL SINDACO: QUALE SOLUZIONE?

MOZIONE DI SFIDUCIA AL SINDACO: QUALE SOLUZIONE?

Parrebbe che la quadratura del cerchio sarebbe stata trovata. A farne le spese non sarebbe il Sindaco bensì l’Assessore all’Urbanistica Lorenzo Perniola, di recentissima nomina.

 

Mancano all’incirca due settimane per la celebrazione del Consiglio Comunale che sarà chiamato ad esprimersi sulla mozione di sfiducia al Sindaco, presentata dai sei consiglieri di opposizione. E’ facile intuire che dietro le quinte continuano a susseguirsi incontri e contatti per individuare la ricetta politica che possa scongiurare al Sindaco D’Ambrosio di ritornare anzitempo a casa. Da questa fitta serie di contatti, nulla trapela di ufficiale ma dagli spifferi delle finestre del Palazzo qualcosa è giunta all’orecchio dell’uomo della strada. Parrebbe che la quadratura del cerchio sarebbe stata trovata. A farne le spese non sarebbe il Sindaco bensì l’Assessore all’Urbanistica Lorenzo Perniola, di recentissima nomina. Di lui, il Segretario del PD dott. Giuseppe Porfido ebbe a dichiarare nello scorso mese di novembre: «La scelta (n.d.r., dell’Assessore Perniola) effettuata all’unanimità dall’intero organo direttivo del Partito, è stata fatta dopo ampia consultazione dei dirigenti ed iscritti del Partito, delle associazioni e di personalità del mondo produttivo e società   civile, in virtù   dell’esperienza  e competenza acquisite  in questi anni  dall’ing. Perniola in qualità di Presidente di Legambiente Santeramo in Colle e di altri ruoli   ricoperti nel  mondo associativo». Il suo posto sarebbe ceduto ai pentadissidenti edi n particolare alla nuova accoppiata Gigino Labarile e Filippo Fraccalvieri. Se così fosse, sarà interessante leggere cosa scriverà il segretario del PD e quale reazione avrà il consigliere Marcello Putignano, sponsor di Perniola. La mancata convocazione del Consiglio Comunale, comunque, farebbe pensare che l’affannosa conclusione non è stata ancora raggiunta come sempre avviene quando la posta in gioco è molto alta come in questa circostanza. In palio, quindi, non vi sono legittimi contrasti su contenuti ed idee programmatiche ma su meschine convenienze politiche che interessano persone considerate come vuoti a perdere, dove il più debole subisce le conseguenze più gravi, anche se immeritate.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*