25/11/2017 06:59
LA “SINISTRA” NON E’ PER LA FASCIA TRICOLORE

LA “SINISTRA” NON E’ PER LA FASCIA TRICOLORE

L’emozione ha giocato uno scherzetto all’amico Michele Cardascia.

E’ la seconda volta in breve tempo che mi va di commentare una foto. La prima è stata quando ho scritto un commento sulla cerimonia di inaugurazione del nuovo centro di inclusione sociale presso una struttura confiscata alla mafia in Contrada Chiancaro, riguardante il cerimoniale. Ora mi appresto a scrivere qualcosa su questa foto con la speranza di non stuzzicare la suscettibilità dei raffigurati né di altri. Questa volta lo si fa per sorridere insieme in una città come la nostra dove il sorriso è scomparso dalla bocca di tanti nostri amati concittadini. E ne hanno buoni motivi. Se qualcuno sorride è perché pone le briglia al pianto. La foto di oggi la trovo a metà ovvero tra il sorriso e il pianto, tra il serio e il faceto. Bene. Intrigante il sorriso alla “Gioconda” maniera del sig. Raffaele Sergio, Vice Presidente del Comitato Feste Patronali. Con sincerità, invero, non so interpretare se quello del dott. Vito Antonio Paradiso che del Comitato è Presidente, sia un sorriso o altra cosa. A saperlo… Mi pare più un tentativo di dire a qualcuno: “uagliò statt’attinde”. So bene di sbagliare perché il quel preciso istante il nostro amato Presidente Paradiso, con tanto di panciotto, è concentrato su ciò che sta accadendo. Non sta badando a imprimere il suo smagliante sorriso sulla foto. E’ più che perdonato. Infatti, nelle mani dell’amico Michele Cardascia, Vice Sindaco di Santeramo, c’è una reliquia di Sant’Erasmo che è stata portata nella nostra Città e messa nelle mani dell’Arciprete Don Vito Nuzzi per essere venerata in determinati momenti solenni. Questa foto, insieme ad altre, fa parte della locandina per il patrocinio del nostro Santo Patrono che ricorre il 10 dicembre. La possono vedere tutti. E’ visibile l’emozione di Michele. Al suo posto, anche altri amministratori avrebbero sentito il brivido scorrere lunga la schiena. Ed è talmente intensa la sua emozione fino al punto che gli ha fatto indossare la fascia tricolore sulla spalla sbagliata. Durante la mia attività lavorativa ho “fasciato” sette Sindaci, tre Commissari Prefettizi, diversi sub Commissari e tanti Assessori Comunali. La fascia è stata sempre indossata sulla spalla destra con il verde attaccato al collo. Anche in tv, se ci fate caso, i Sindaci vestono la fascia sulla spalla destra. Per Michele un piccolo incidente di percorso che non toglie né aggiunge nulla a quel momento e al significato dell’evento che la Storia ha già inserito nell’album di famiglia. Sappiamo tutti che Michele è allergico alla destra, ma quando si indossa la fascia tricolore non ne può fare a meno. Per questa volta è perdonato. Ma in una prossima circostanza, Michele dovrà fare molta attenzione alla simbologia istituzionale. Questa volta sorridiamo. Per la prossima volta, sorrideremo lo stesso.  Meglio sorridere anche sulle cose storte che arrabbiarsi. Conviene.

Un commento

  1. Sei fantastico FRANCO (scusami se ti do’ del tu’) solo tu che hai una mente senza deviazioni tra sinistra e destra potevi scrivere un articolo del genere., sul posizionamento di una fascia tricolore. GRANDE

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*