23/11/2017 17:47
LA SGOMMATA DI ANTONIO BOSCO

LA SGOMMATA DI ANTONIO BOSCO

Da Antonio Bosco ci attendiamo di conoscere le ragioni per le quali ha preferito sgommare piuttosto di essere stancamente parcheggiato nel PD.

 

Nella seduta di venerdì 14 novembre, il consigliere comunale Antonio Bosco ha abbandonato il gruppo del PD ed è passato nel gruppo misto, aggregandosi a due suoi colleghi già provenienti dall’Udc. A ben pensarci, la cosa è molto grave non per Antonio quanto per il Pd che continua a perdere pezzi, nonostante sia il partito del Sindaco. Due consiglieri del PD, Gabriele Cecca e Marcello Putignano, continuano ad essere disertori; un altro consigliere, l’Avv. Domenico Conversa, è arrivato dal Sel. A salvarsi è il coerente Gigino Labarile che continua a buttar giù veleno per la scarsa efficienza dell’attività amministrativa. Coerente è anche il comportamento dell’operaio Antonio Bosco che, stanco del pietoso andare del Partito in cui è stato eletto e del suo ruolo all’interno della maggioranza, ha fatto una bella sgommata transitando nel gruppo misto. Per il PD, è una perdita senza precedenti perché si è lasciato sfuggire l’unico rappresentante della gloriosa classe operaia e di un dipendente del settore del mobile imbottito che, come tantissimi altri, aspetta la grazia di poter conservare il posto di lavoro. Quando si sgomma, c’è un motivo o più di uno. Per rendere credibile questo passaggio in un’altra corsia, da Antonio Bosco ci attendiamo di conoscere le ragioni per le quali ha preferito sgommare piuttosto di essere stancamente parcheggiato, con i motori accesi della sua passione politica, in un gruppo imballato su cui ricade la responsabilità dello stallo amministrativo. Da Antonio, però, ci attendiamo ora qualcosa in più dallo scranno di maggioranza su cui continua ad essere seduto. Ci aspettiamo che dimostri la sua coerenza in sede di adozione dei prossimi provvedimenti consiliari e, se del caso, scegliere la strada dell’opposizione dove almeno tre consiglieri comunali, con questa sgommata, sarebbero costretti a svegliarsi.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*