23/11/2017 23:04
LA “PAX  SAGRA”

LA “PAX  SAGRA”

Una precisazione da parte del coordinamento dei commercianti di via Iacoviello. Non ci siamo arresi, solo un momento di pausa riflessiva.  

 Nei giorni scorsi sono apparsi striscioni di contestazione al sindaco e avversi alla sua decisione circa la viabilità di Via Jacoviello e Piazza Di Vagno.  Il riscontro è stato clamoroso e ha raccolto la solidarietà di quanti non approvano la maniera di agire autoritario del primo cittadino.

Gli striscioni sono stati rimossi, ma la contestazione non si ferma. La pausa è stata decisa solo per rispetto dell’evento “Sagra della Carne Arrosto” che si svolgerà principalmente proprio su queste strade. E’ nostra intenzione non alimentare polemiche in questi giorni e dare un piccolo contributo alla buona riuscita di una manifestazione così importante per il nostro territorio, auspicando che questo momento di festa/relax faccia riflettere tutti in maniera adeguata.

     Appariranno solo dei piccoli “promemoria” a ricordare che noi siamo presenti e pronti a manifestare il nostro dissenso.

Coordinamento Commercianti via Jacoviello e Piazza Di Vagno

9 commenti

  1. Visto che l appoggio non manca di certo da parte di questo giornalista a questa lotta perché non è stato invitato all incontro? Caro Vincenzo Mele capisco la tua amarezza ma almeno porfido gioca nella tua squadra il sindaco no.se qualcuno si batte per la tua causa di cosa si deve scusare?

  2. Visto il disastro che si è abbattuto sulla nostra Santeramo, smorziamo i toni e faaciamo tutti qualcosa affinchè la la Sagra abbia successo. La nostra protesta prende una pausa, ma non si ferma.
    Diamo tutti il nostro contributo, ognuno come può.

  3. Quoto digregorio.
    Stima x Franco Porfido:con coraggio e senza mezzi termini ha esposto quello che sembrava prima dei dovuti kiarimenti.
    Onore al comitato di protesta che anche in questa circostanza è un ‘ Signore ‘.
    P.S. Non rifiuterei il sostegno di un giornalista.
    Vincenzo Mele capisco il tuo risentimento, ma ora è tutto chiaro!

  4. Giorgio Lobascio

    Ecco Franco Porfido,doveva leggere prima Il comunicato.

    • Carissimi, non è mio costume prendere le difese di chi invece è nella condizione di farlo autonomamente. A ragion del vero, però, il comunicato con cui si partecipava la decisione presa circa la pausa della protesta e del quale si chiedeva la lettura, è stato inviato alle 8.43 di oggi, mentre l’articolo di Franco Porfido è stato pubblicato alle 6.52, due ore prima. Pertanto non ne sarebbe stata possibile la lettura prima del confezionamento dell’articolo.
      Sempre a onor del vero, in una vicenda va considerato quello che appare all’esterno piuttosto che quello che alberga nella mente degli attori. Guai non considerare questo piccolo dettaglio. Probabilmente, quindi, è mancata una efficace e tempestiva comunicazione da parte vostra agli organi di stampa, magari successiva all’incontro col sindaco di mercoledì mattina o relativa alle decisioni che si stavano assumendo. Diversamente, in mancanza di tanto, non si può essere vittime e carnefici allo stesso tempo. Tuttavia per noi l’incomprensione è già risolta, vi auguriamo pertanto di amministrare le vostre rimostranze nel modo che riterrete più idoneo.

      • Ciò non toglie che Franco Porfido prima di scrivere un articolo così offensivo e diffamatorio fosse tenuto a informarsi sullo stato dell’arte visto che è stata presenza costante qui su via Iacoviello. Voglio dare la colpa al caldo.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*