23/11/2017 23:17
IN CAMPO I VIAGGIATORI

IN CAMPO I VIAGGIATORI

Annunciata una vera mobilitazione nei prossimi giorni.

 

Forse sfiduciati dal modo di affrontare la grave situazione determinatasi a seguito dello stravolgimento del traffico urbano per come le forze le forze politiche la stanno affrontando, a scendere in campo sono direttamente i viaggiatori con una lettera che pubblichiamo integralmente:

“L’attuale amministrazione D’Ambrosio, presa nella morsa dei litigi interni, non presta attenzione al problema del traffico, al fine di disciplinare il sistema veicolare urbano ed extraurbano. Il piano urbano del traffico e piano della mobilità sono due strumenti per il quale questa Amministrazione sta registrando una bocciatura da parte della cittadinanza. Il progetto di liberare spazi tipo “villa Comunale” – senso unico Via Cassano – inversione di marcia Via Iacoviello insieme ad altre strade era una buona intenzione, ma il problema del traffico, nei fatti concreti, non ha conosciuto un pensiero programmato (resta ancora ignorata la revisione del Sistema generale della circolazione urbana ed extraurbana). E’ un dovere etico, civile e politico dell’amministrazione privilegiare l’interesse pubblico tra il servizio pubblico e l’interesse pubblico in merito a igiene, salubrità e pacifica relazionalità umana individuale e collettiva. Lo spostamento della fermata “Largo Stazione”, fuori da ogni logica di sistema “paese”, crea un danno sia dal punto di vista umano che economico ai cittadini/viaggiatori e le informazioni/assicurazioni “ci stiamo lavorando”, a distanza di tempo, ci porta a pensare che non si sta facendo niente e che, con molta probabilità, tutto rimarrà così! Una gran parte del Paese è fortemente penalizzata (per le partenze dei mezzi pubblici) e si organizzeranno azioni eclatanti di protesta. Una vera mobilitazione nei prossimi giorni! NB. Il Put non necessariamente deve prevedere la gestione ottimale del trasporto pubblico collettivo ma può limitarsi al significato di gestione ottimale degli spazi stradali e delle fermate esistenti”.

Mi chiedo: non sarà mica per il fatto che su un argomento di rilevanza generale, le forze politiche per farsi belle hanno sinora lavorato ognuna per conto proprio, rendendosi così poco credibili? Come a dire: c’è chi si è impegnato per Iaco e chi per Viello come se fossero due problemi diversi. La mobilitazione annunciata – ed era ora – dopo tanti bla bla bla, deve servire per orientare tutti nella stessa direzione. Vedremo…

 

 

6 commenti

  1. dino depascale

    Cerchiamo di sgomberare il campo da equivoci e ambiguità.

    Caro Mario Digregorio,
    l’intestazione Via Jacoviello non corrisponde necessariamente al nome Vincenzo e lo sai bene. Il comunicato giunto alla tua redazione come alle altre e fatto pervenire all’attenzione del Sindaco non riporta alcuna firma chiarificatrice del/dei promotore/i della iniziativa. Non abbiamo letto da nessuna parte un nome che ci chiarisse l’origine. Al contrario il nome collettivo Via Jacoviello /Coordinamento dei commercianti Via Jacoviello-Piazza Divagno, tutti sanno perfettamente che è composto dagli oltre 30 commercianti presenti nella suddetta zona. I portavoce del coordinamento e i promotori delle iniziative pubbliche e giudiziarie sono noti a tutti. Nel merito della tua proposta di riattivazione della fermata di via Cassano/ Calabrese ti ricordo che la fermata in questione è stata soppressa da anni con conseguente e logico spostamento su via Stazione/piazza Tienammen. Non capisco i termini della proposta, se noi ci battiamo per il ripristino della precedente situazione viaria e la riattivazione della fermata storica di via Jacoviello e la riattivazione della fermata via Stazione/piazza Tienammen a cosa serve o in che modo dovrebbe essere utile riattivare via Cassano/Calabrese? Noto una certa confusione e scarsa conoscenza della questione.

    Caro popolo santermano,
    anonimo interlocutore, stai creando non fusione ma “confusione”.
    Intanto chiarisci il tuo rapporto, e a che titolo parli a nome del Comitato fermata Sita Largo Stazione. Poi facci capire da dove nasce il nuovo comitato cittadini Via Stazione e cosa centra con il suddetto comitato fermata Sita. Non capisco inoltre le tue intenzioni e soprattutto questa volontà di ripristinare una fermata osteggiata da tutti i viaggiatori dal momento stesso della sua creazione. Anche per te vale quanto detto già al Direttore Digregorio, noi chiediamo il ripristino delle fermate e della situazione precedente e piuttosto la soppressione della fermata di Largo Stazione. Quindi cosa abbiamo in comune da condividere? Nel momento in cui mi fai/fate sapere chi sei/siete e qual è la logica della battaglia di cui parli/parlate, venite pure in Via Jacoviello a proporre le vostre istanze e ipotetiche iniziative.

    Buona giornata, Via Jacoviello – Dino Depascale

    • Mario Vito Digregorio

      Egregio, ed è che dobbiamo confrontarci di persona e immagino distante il nostro modo di vedere la realtà. Figuriamoci con il semplice scambio di qualche commento virtuale. Quando vuole mi venga a trovare per sgombrare il campo da inutili divagazioni.

  2. Via jacoviello

    Gentili Signori,
    alcune domande ci premono soprattutto: CHI SIETE ? A CHE TITOLO PARLATE ? COSA VOLETE OTTENERE ?
    Come mai questa testata pubblicizza una lettera anonima senza verificare la provenienza e l’autenticità della presunta iniziativa? Non era il Signor Mario Digregorio che polemizzava contro i profili anonimi e le lettere non firmate ? E’ cambiato qualcosa ?

    • Mario Vito Digregorio

      Chiamato in causa rispondo.
      Caro Vincenzo, la lettera che abbiamo pubblicato non è anomima, è firmata da un nascente “comitato fermata sita largo stazione”, è stata protocollata come “lettera aperta al sindaco”, da un rappresentante del comitato. E’ una iniziativa parallela alla vostra dove un gruppo di cittadini lamenta un disservizio. Potrei anche essere d’accordo con te quando dici che la soppressione della fermata di largo stazione è un problema assai marginale rispetto al caos generale che ha creato lo spostamento delle altre fermate; sui contenuti, quindi, possiamo discutere. Ma accusarmi di aver cambiato orientamento circa i profili anonimi non è stata una buona idea.
      Devi sapere che non sono tenuto a pubblicare i nominativi dei firmatari di una lettera giunta in redazione, a me interessa il fatto e interessa che chi scrive sia a me noto, non necessariamente deve esserlo anche a te. Tuttavia va evidenziato, anche a beneficio del nascente comitato, che sarebbe buona cosa chiedere a gran voce il ripristino delle fermate storiche della Sita, a cominciare da quella di Calabrese su via Cassano, piuttosto che discutere su uno spostamento di 150 metri che lascia il tempo che trova. A noi risulta che il ripristino della fermata di Calabrese è in grado, come per magia, di mettere TUTTI d’accordo. Ci sono ancora i vecchi segnali, cosa impedisce di farlo già domani e archiviare una pagina che sta creando un mare di inutili problemi? Buona domenica

      • popolosantermano

        Domanda:ammettiamo che sia tutto regolare con registrazioni,dichiarazioni,protocollo etc.etc. Coordinamento commercianti Via Jacoviello P.zza di vagno+nuovo comitato cittadini Via Stazione=fusione,fusione=forza in campo,Via Jacoviello guarda bene chi sta dietro al comitato cittadini e poi trai le tue conclusioni,vedi se effettivamente è un salvagente o meno.

  3. Via jacoviello

    Gentili Signori,
    non mettetevi necessariamente a capo di una rivolticchia. Il problema non è la soppressione della fermata di piazzale stazione (di recente istituzione e di indecorosa allocazione), ma il ripristino della fermata di via Stazione-piazza Tienammen. Per fare questo l’unica soluzione è ritornare al vecchio sistema circolatorio con i bus che transitano su via Jacoviello e proseguono su via Stazione. La soluzione è il ripristino delle fermate storiche che sono senz’altro più dignitose e sicure della fermata di piazzale Stazione. Sono mesi che ci battiamo per un riordino complessivo del servizio trasporti extraurbano, e voi vi svegliate solo per far ripristinare una fermata pericolosissima che non è mai esistita? Veramente geniale, complimenti. Secondo noi siete manovrati solo per far in modo che la vostra manifestazione fallisca in modo da dare lo spunto a Sua Autorità di uscirsene fresco fresco dalla situazione di difficoltà in cui si trova. RIPRISTINO DELLA FERMATA DI PIAZZALE STAZIONE, MA ROBA DA MATTI !!!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*