21/11/2017 03:41
D’AMBROSIO SINDACO SULLA GRATICOLA
Grill in fames

D’AMBROSIO SINDACO SULLA GRATICOLA

Prende consistente piede l’intervenire su scritti ospitati sulle nostre testate giornalistiche e relativi all’amministrare targato D’Ambrosio.

Per il “sindaco-sorpresa” è gragnola di giudizi ora ironici, ora impietosi e feroci, ora impositivi come “lei che abita in una villetta a tre piani e con prole abbastanza numerosa, pubblichi, per la tanto decantata trasparenza, la sua cartella TARI, tanto per chiarire se i conteggi per lei sono stati fatti in modo esatto”.

Avviene anche che, poiché da queste nostre parti un soprannome non si nega a nessuno, anche l’ acclarato “prevticchie” (prete piccolo, ovvero pretucolo) finisca nel tritacarne del pubblico irriverente e spesso impietoso commentare.

Al non contenere l’ondata di dissensi, D’Ambrosio ci mette ben del suo. E’ risaputa la sua comprovata idiosincrasia al controbattere e chiarire. Se e quando, assai raramente per la verità, tenta di farlo, sbanda di brutto.

Alle argomentazioni e considerazioni dello scritto di Giovanni Porfido, dipendente Natuzzi definitosi “ ancora per fortuna superstite cassintegrato fra tanti licenziamenti”, chi siede a Palazzo di Città, dal suo limitato vocabolario compone il debole costrutto, scarso di nesso sintattico ma ricco di spocchioso giudizio:“ intervengo non perché sono spinto da chi scrive lettere sui giornali online dimostrando di avere solamente motivi di bassissimo livello politico”. (Sic!) .

Ma, di grazia, se non interviene “spinto da chi scrive”, dove trovare la conclusione  della frase e pertanto del suo pensiero?

Vado oltre. Per lui che si sente “parte di un Grande Progetto della Divina Provvidenza” non dovrebbe trovare prima cittadinanza l’ imperativo a “includere e non ad escludere” chi non si riconosce nel suo modo di agire e pensare? Di quale valido metro di giudizio si ritiene padrone per arrivare a definire “motivi di bassissimo livello politico”  le preoccupazioni per il mantenimento del posto di lavoro?

Al pari di sempre, anche questa volta non ci sarà risposta.

Risposta dovrà però esserci per Michele Digregorio che lo ha invitato a pubblico confronto.

TARI, TASI, IMU sono nervi troppo scoperti che, tra errori di calcolo ed esorbitanza di aliquote  imposte, vedono la cittadinanza all’esasperazione.

L’appuntamento è per domenica ventotto corrente.

L’insegnante di religione saprà tener testa al già sindaco, di per sé osso duro e padrone di normativa in materia  di contributi  e tasse varie?

C’è chi paventa delega a controfigura. Per D’Ambrosio sarebbe una nuova brutta figura.

Su errori, rinvii e conferme che emerga la verità ! Ne avremo a guadagnare tutti.

9 commenti

  1. Grazie Sig. Luacarelli per aver ripreso il concetto di un mio commento.
    Infatti chiedevo al sindaco di pubblicare la sua cartella Tari x poter verificare se anche lui è stato interessato dall’aumento spropositato e dall’errore di calcolo di questa tassa.
    O l’errore e l’aumento vale solo x i comuni mortali?!!
    O forse la tanto decantata Trasparenza, non vale x chi fa parte di un Progetto della Divina Provvidenza?!!
    Grazie

  2. Il fatto è che questo sindaco, professore o non professore delle patate spadroneggia con la complicità dei suoi consiglieri comunali e assessori che lo sostengono. Ma cosa avrà dato loro per renderli incoscienti fino a questo punto? Vorrei poterli guardare in faccia uno a uno, e poi aprirgli bene bene prima un occhio e poi l’altro prendere la mira e sputargli dentro con tutta la forza. VERGOGNATEVI

    • x Francesco
      Ma quale incoscienti!!!
      Sono tutte povere bestiole, falchi, falchetti, un cricetino e un randagio, l’Alano Scoobydù (ex SEL).
      Tutte abituate a vivere in gabbia, ed essere alimentate ogni giorno.
      Se libere, non saprebbero come procurarsi il cibo per nutrirsi e sarebbero anche facile preda di altri predatori.
      Quindi tanto vale rimanere prigionieri e continuare a mangiare a sbafo!!!
      Con la Benedizione del loro Padrone, a cui fanno Tanta Compagnia!!!

  3. dipendentenatuzzi

    solo il nostro grande profeta, pretucolo di periferia può parlare della situazione Natuzzi.Con questo sindaco tutta la sinistra è venuta a Santeramo, Vendola Dalema Finocchiaro e Rosi Bindi, tutti pronti a pensare ai lavoratori della natuzzi. Da tre anni, dopo le votazioni tutti spariti. E da ultimo Emiliano, nominato suo consigliere personale con delega natuzzi. Non lo abbiamo mai sentito, nè ha mai partecipato ad un tavolo sindacale, nè ha mai incontrato i lavoratori, mai nei suoi comizi ha nominato l’azienda.
    E ora questo sindaco ci viene a dire che lo ha incontrato, ma ci faccia il piacere, è lei che continua a fare un bassissimo e perfido livello politico. E la smetta di sventolarsi in nome dei lavoratori solo per speculare voti.
    Stia zitto che fa più bella figura. Vada a lavorare perchè forse non sa cosa significa LAVORARE.

  4. è un Prof. che a stento sa scrivere in italiano, come ha fatto notare anche Michele Digregorio durante il suo comizio, e che difficilmente esprime un costrutto logico, senza contraddirsi più volte.
    Nei suoi scritti prevale sempre l’autocelebrazione, e il giudizio offensivo.
    Ma che titolo di studio ha?!! Visto che si fa chiamare e si firma Prof.!!!

    • Licenza di Scuola Media Superiore. Poi la Santa Chiesa lo ha nominato INSEGNANTE di RELIGIONE.

      Il titolo di Professore, agli insegnanti di scuola media inferiore o superiore, è puramente di CORTESIA!!

      Quindi farsi chiamare Prof. è consentito, non credo sia giusto FIRMARSI con il titolo di PROF.

      Infatti, nel codice deontologico forense, recentemente emendato, viene limitato l’utilizzo del Titolo di Prof., ai soli DOCENTI UNIVERSITARI..
      La logica dela Norma è nel senso di evitare confusione e di non ingenerare la errata convinzione di rivolgersi ad un Laureato con Docenza Universitaria.
      Se sbaglio correggetimi!!! Grazie.

      • Erano i tempi in cui la DC e la Chiesa si scambiavano favori.
        E guarda caso, il nostro I°Cittadino (ex DC), appena divenuto sindaco, ha regalato alla Chiesa, migliaia di ettari di terra (di proprietà comunale).
        Probabilmente, così, ha estinto un Antico-Debito!!!!!!!

  5. Il sindaco in risposta alla lettera di Giovanni Porfido (dipendente Natuzzi), ha delirato i suoi soliti proclami, svolazzando solo con la sua fervida fantasia. Ha dichiarato:
    “Ho avuto con Emiliano due lunghi colloqui. Il primo il 4 giugno alle 21,30 e il secondo nella mattinata di mercoledi scorso. TEMA NATUZZI. Abbiamo lungamente approfondito i temi che interessano la ripresa della importante azienda”
    Francamente Emiliano (consigliere personale del sindaco DA CIRCA 2 ANNI per risolvere crisi Natuzzi) dopo 2 anni di totale SILENZIO, mi sembra alquanto fantasioso pensare che ne parli proprio il 4 giugno con tutti i problemi personali che ha per insediarsi come nuovo Governatore.
    Ma sig.sindaco, ancora più assurdo è che lei vada a parlare con Emiliano di una Strategia di Programma per la Natuzzi, senza invitare il diretto interessato: IL SIG. NATUZZI. E’ COME FARE I CONTI SENZA L’OSTE.
    Sindaco, ritorni su questa Terra con più SINCERITA’ E UMILTA’ E Lasci perdere il Grande Progetto della Divina Provvidenza cui crede appartenere, quando non si rende conto che i suoi concittadini hanno bisogno di RISORSE CONCRETE per ARRIVARE ALLA FINE DEL MESE, e non di BECERE DICHIARAZIONI!!!

    • Ben detto boccasana…ma il sindaco conclude la sua spocchiosa risposta,al dipendente della natuzzi, dicendo:
      “Ho inoltre incontrato presso il Palazzo Municipale un altissimo dirigente del Gruppo Natuzzi dal quale ho ricevuto aggiornamenti sullo stato del programma di uscita dal periodo di crisi e soprattutto sull’intensissimo programma di sviluppo.”
      Quindi sig. sindaco ci dice di cosa ha parlato con Emiliano, visto che il futuro dell’azienda è ben chiaro al sig. Natuzzi?!! Ma cosa ci racconta?!! A cosa servono i suoi intensi colloqui con Emiliano?!!
      Voci di corridoio dicono che nell’aria circola voce di probabili assunzioni, di parenti, amici o familiari presso la Natuzzi. Il tempo sarà galantuomo!!!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*