08/07/2020 23:29
CON IL NUOVO ISEE 2015 CACCIA AI PINOCCHIETTI

CON IL NUOVO ISEE 2015 CACCIA AI PINOCCHIETTI

A far data dall’inizio del nuovo anno, farà testo la giacenza media sui conti correnti bancari al posto dell’autodichiarazione.

 

Dal prossimo anno, cambia look l’ISEE ovvero l’indicatore della situazione economica equivalente, molto richiesto dalla Pubblica Amministrazione e da organizzazioni private per erogare benefici e servizi a famiglie e soggetti meno abbienti. Fino al 31 dicembre prossimo, si potrà ancora presentare l’autodichiarazione ma, a far data dall’inizio del 2015, farà testo la giacenza media sui conti correnti bancari. Tanto vale a dire che lo Stato in generale non si fiderà più dell’autodichiarazione del contribuente per ottenere benefici scontati o servizi gratuiti ma procederà alla verifica preventiva delle effettiva situazione patrimoniale del dichiarante. Lo strumento di verifica già esiste e si chiama anagrafe dei conti correnti bancari che registra i movimenti bancari individuali. L’ottanta per cento delle autocertificazioni, infatti, sono infedeli perché il dichiarante sottoscrive di non avere conto corrente e, se ne è titolare, di essere al verde e di non avere un euro depositato. Per evitare abusi di questo genere che hanno il sapore della truffa, lo Stato prenderà in considerazione il “valore medio di giacenza annuo”. Con questa nuova disciplina, ad esempio, c’è da chiedersi: quante famiglie santermane sono state graziate dal pagamento della Tasi perché hanno auto dichiarato di avere un ISEE fino a 7.500 euro? Sicuramente poche, molto poche perché alla fin fine un piccolo conto corrente bancario ce l’hanno quasi tutti, anche i più disagiati o quelli che solo in apparenza risultano nullatenenti. Bene farebbe, quindi, l’Amministrazione Comunale, in sede di controllo del pagamento della Tasi a verificare per tutti gli esentati la sussistenza o meno dell’eventuale deposito bancario. Qualche furbetto, forse, verrebbe a galla. Anzi, senza forse, più di un pinocchietto cadrà in trappola.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.