20/11/2017 21:53
CHI SI VANTA DA SOLO… VALE UN FAGIOLO!!

CHI SI VANTA DA SOLO… VALE UN FAGIOLO!!

Il sindaco e la bretella tra via Matera e via Altamura che non è farina del suo sacco.

Il nostro Sindaco, qualche giorno fa, su un famoso social network (ormai divenuto metodo ufficiale
per la divulgazione di notizie istituzionali) scriveva così:
“Questa Amministrazione comunale ha rimesso in moto l’iter procedurale per arrivare in tempi
brevi alla agognata realizzazione dell’attesissima bretella stradale di collegamento tra le due
importanti arterie di via Matera e via Altamura.”
(…)
Ci preme ricordare al nostro Sindaco che il progetto per la “famosa bretella” è già bello e pronto da
un anno e mezzo.
Ci fa piacere che finalmente il nostro Sindaco si sia ricordato della questione ovvero di un progetto
già finanziato dalla Provincia e ratificato dall’allora Assessore Provinciale Giampetruzzi.
Ci fa un po’ meno piacere che a distanza di un anno e mezzo il nostro Sindaco si faccia bello per
una questione che andava solamente portata a compimento… nulla di più!
Peraltro, non ricambiando lo stesso garbo istituzionale che l’allora Assessore gli riservò in occasione
della chiusura del suo mandato amministrativo.
Ora, sappiamo che il nostro Sindaco gode di ampia autostima, però, se iniziasse, di tanto in tanto a
dire le cose come sono senza farle passare per una “vittoriosa Sua impresa” magari i cittadini (solo
alcuni viste le comunicazioni unicamente su social) sarebbero più grati verso un Sindaco difensore
della verità e non solo ingordo di consensi.
Sig. Sindaco, si è preoccupato di vantarsi per un opera non sua peraltro già approvata e finanziata.
E la palestra IPSIA anch’essa già finanziata dalla ex Provincia che fine ha fatto?
Perchè non si è interessato affinché fosse indetta la gara d’appalto?
Non è che tra il “sono bravo” e “sono bello” ci perdiamo il finanziamento?

COORDINAMENTO CITTADINO
FORZA ITALIA
SANTERAMO IN COLLE

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*