23/11/2017 02:42
CHE CONSIGLIO COMUNALE SARA’?

CHE CONSIGLIO COMUNALE SARA’?

 Tutto dipenderà da quattro consiglieri di maggioranza per i loro recenti atteggiamenti politici assunti.

 

Che Consiglio Comunale sarà quello in programma per domani martedì 14 ottobre. Ovvero quale maggioranza voterà i diciassette punti iscritti all’ordine del giorno? La domanda è legittima se vi pesano le parole e gli atteggiamenti politici assunti negli ultimi mese da ben quattro consiglieri di maggioranza. In ordine alfabetico per non offendere nessuno si tratta di Gabriele Cecca, Piero Girardi, Marcello Putignano e Fabio Sampaolo. Il primo perché ha tuonato sulla mancata aggiudicazione della gara di appalto per il servizio mensa rimproverando pubblicamente il Sindaco di aver disatteso le decisioni adottate da una precedente seduta del Consiglio Comunale; il secondo, perché non ancora esaudito per la sua richiesta di nomina in seno alla Giunta Comunale ragion per cui si è assentato nelle ultime sedute consiliari; il terzo perché assessore “trombato” dallo stesso suo Sindaco; ed, infine, il quarto perché astenutosi, insieme a Cecca e Putignano, in sede di approvazione delle aliquote Tasi. Nella seduta di domani, non saranno discussi ed adottati provvedimenti di normale amministrazione. Tutt’altro. Sul tavolo consiliare, tra l’altro, l’approvazione delle aliquote della tassa rifiuti e il relativo regolamento. Ma, molto più, importante, l’approvazione del bilancio di previsione 2014, ovvero dell’atto annuale più importante della vita amministrativa. Quindi, tutto fa ritenere che non sarà un consiglio comunale sereno perché, alla fin fine, intorno ai provvedimenti da trattare, si chiuderà o si dovrebbe chiudere la verifica politica in seno al litigioso centrosinistra che viene da molto lontano. Troveranno la quadratura del cerchio? Se tutto sarà definito, l’Amministrazione Comunale continuerà a vivacchiare. Diversamente, deve prepararsi a fare le valigie. Anzi, se coerenza vuole, il poker dei consiglieri comunali prima citati, dovranno assumersi fino in fondo le proprie responsabilità. Diversamente, ancora, si assisterà ad un altro indecoroso spettacolo di burattini. Prova di compattezza anche per la minoranza che nella scorsa seduta consiliare, quella relativa all’adozione delle aliquote Tasi e del relativo regolamento, era presente con soli tre consiglieri su sei. Nel caso di mancanza del numero legale, il Consiglio tornerà a riunirsi in seconda convocazione venerdì 17 ottobre.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*