20/11/2017 22:05
CACCIA AL CINGHIALE: ERA ORA!!! E AI COLOMBI?

CACCIA AL CINGHIALE: ERA ORA!!! E AI COLOMBI?

L’emergenza cinghiali è talmente grave che rischia di arrivare nei portoni dei nostri condomini. Non trascurabile quella dei colombi.

“La II Commissione consiliare alla Regione Puglia ha approvato a maggioranza (astenuti Liviano ed il M5S), il regolamento che consente la caccia al cinghiale in forma collettiva. Saranno consentite quindi – si legge in una nota della Regione – la caccia in braccata, quella in girata e quella collettiva.

La prima si svolge, come è noto in squadra mediante posizionamento di poste fisse e utilizzando i cani come ausiliari. Le squadre per la caccia al cinghiale – continua il comunicato della Regione – sono formate da un minimo di 20 fino ad un massimo di 40 cacciatori.

Nella caccia girata, invece il cane non può essere sciolto e ad ogni singola azione vi partecipa un solo conduttore di cane ed un numero variabile di 4 fino a 10 cacciatori.

La caccia al cinghiale in forma collettiva è praticata da coloro che risultano in possesso di attestato di idoneità tecnica. Tale idoneità è acquisita previa partecipazione a specifici corsi di formazione e aggiornamento e superamento di un esame ad hoc. Almeno 24 ore prima della battuta, le zone di caccia dovranno essere delimitate con una segnaletica apposita. I capi abbattuti – conclude il comunicato – dovranno essere sottoposti a controllo sanitario al fine di accertare la presenza di eventuali patologie”.

Si spera ora che il passo tra il dire e il fare sia breve. L’emergenza cinghiali sul nostro territorio è talmente grave che, se non affrontata il più rapidamente possibile, rischia di arrivare nei portoni dei nostri condomini.

Altra grave emergenza da affrontare è quella dei volatili nei centri urbani, soprattutto dei colombi. A Santeramo ve ne sono migliaia e migliaia. Sono come topi volanti. Il guano, oltre ad essere molto pericoloso per la salute dell’uomo, ostruisce le grondaie delle abitazioni. Il palazzo comunale in Piazza Municipio è da esempio. In circolazioni vi sono alcuni espedienti per affrontare questa emergenza (sistemi a micro onde che favoriscono l’allontanamento; cibo anti produttivo, ecc.).

Come per l’emergenza cinghiali, anche quella dei colombi non va trascurata.

 

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*