22/11/2017 03:00
APPREZZAMENTO USB PER REVOCA ACCORDO NATUZZI

APPREZZAMENTO USB PER REVOCA ACCORDO NATUZZI

Ora convocazione delle parti sociali per risolvere la vertenza.

Il Coordinamento Usb-Lp gruppo Natuzzi esprime apprezzamento per la mozione approvata dal Consiglio regionale pugliese, che impegna la Giunta a revocare la firma dall’Accordo del 15 novembre 2016 tra la stessa istruzione, CGIL-CISL-UIL, Regione Basilicata, MiSE e Ministero del Lavoro. L’Usb aveva già definito lo stesso protocollo d’intesa un vero ricatto, in quanto subordinava l’assunzione in una New co dei licenziati da Natuzzi spa (licenziamento considerato illegittimo dai giudici) a condizione della loro rinuncia a contenziosi pregressi verso l’azienda santermana. In pratica si obbligava i lavoratori a scegliere tra il diritto alla giustizia o, in alternativa, il diritto al lavoro. Non a caso l’Accordo del 15/11 è stato rigettato dall’85% degli interessati.
Natuzzi adesso faccia un salto di qualità e la smetta con le minacce di procedere ad altri licenziamenti e si assuma le proprie responsabilità sociali. È ora che Natuzzi aggiorni il calendario e capisca che siamo all’alba della quarta rivoluzione industriale e non nel Medioevo.
Inoltre, si chiede alla Regione Puglia, a seguito della decisione consiliare, di convocare subito le parti sociali per un confronto sull’individuazione di misure serie e opportune per risolvere la vertenza Natuzzi.
Infine, si precisa che alla data odierna sono 22 i lavoratori reintegrati nelle produzioni di Natuzzi Spa, da parte del Tribunale di Bari.
Coordinamento Usb-Lp gruppo Natuzzi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*