08/07/2020 23:42
APP IMMUNI: MEDICINA GENERALE PRONTA PER LA SPERIMENTAZIONE IN PUGLIA,CHE PARTE DOMANI

APP IMMUNI: MEDICINA GENERALE PRONTA PER LA SPERIMENTAZIONE IN PUGLIA,CHE PARTE DOMANI

Da domani parte in Puglia – oltre che in Abruzzo, Marche e Liguria – la sperimentazione dell’app Immuni, finalizzata al tracciamento dei contatti dei contagiati dal Covid-19. Si tratta di un test di pochi giorni, per provarne le funzionalità, prima di mettere a regime l’utilizzo a livello nazionale dell’applicazione, che da ieri sera è scaricabile gratuitamente dagli store online.

L’uso dell’app vedrà il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, sia ai fini dell’adesione dei pazienti, sia nei passaggi successivi di segnalazione, monitoraggio e gestione dei contatti.

Nelle quattro Regioni individuate dal Governo per la sperimentazione, nel momento in cui un utente è entrato in contatto con un soggetto risultato positivo al Covid-19, riceve dall’app Immuni un messaggio di allerta sulla possibile esposizione al contagio. Il messaggio invita l’utente a contattare il proprio medico di medicina generale/pediatra di libera scelta, che a sua volta provvederà a contattare il Dipartimento di prevenzione della Azienda sanitaria locale. L’obiettivo è riuscire tempestivamente a tracciare i contatti e a isolare possibili focolai di contagio.

“La medicina generale pugliese è pronta a dare nuovamente il proprio contributo per la riuscita della sperimentazione nell’uso dell’app Immuni per il tracciamento dei contatti. – dichiara Donato Monopoli, Segretario Fimmg Puglia – “Nella fase 1 abbiamo svolto un fondamentale ruolo di sentinella. È anche grazie a questa attività di sorveglianza sui paucisintomatici e asintomatici e alla responsabilità e senso di comunità dimostrato dai medici di famiglia che il sistema ha retto”.

 

“La medicina generale si candida ad avere un fondamentale ruolo di sentinella sul territorio rispetto alla fase 3, quando l’individuazione precoce dei nuovi casi e dei contatti diventa essenziale per evitare di ritornare in piena emergenza. I medici di famiglia avranno un ruolo strategico sul territorio anche per gli obiettivi di copertura vaccinale che quest’anno oltre a proteggere dall’influenza e dallo pneumococco permetterà di supportare la diagnosi differenziale rispetto al Covid-19. Invitiamo tutti i cittadini a scaricare l’app e a dare il proprio contributo affinché si possa tornare alla normalità convivendo con il virus in attesa che venga definitivamente debellato da un vaccino.” – aggiunge Nicola Calabrese, Vice-segretario nazionale Fimmg – “Ringrazio il Ministro Speranza per aver coinvolto la medicina generale e aver condiviso le modalità di intervento. Collaboreremo con vertici della Sanità pugliese per definire i criteri operativi della sperimentazione in Puglia.”

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.