22/11/2017 06:08
ALTRO DIRIGENTE FORESTIERO AL COMUNE

ALTRO DIRIGENTE FORESTIERO AL COMUNE

Per questa Amministrazione i giovani santermani non valgono una cicca.

Con decreto n. 28 di quest’oggi 1° dicembre, il sindaco ha nominato il nuovo dirigente dell’Area Finanziaria del Comune di Santeramo, a tempo determinato, in sostituzione del dottor Vito Erasmo Maffei che sempre da oggi, è stato collocato in pensione. Si tratta della dott.ssa Giulia Lacasella, nata ad Acquaviva delle Fonti, alla quale rivolgiamo i nostri sinceri auguri di buon lavoro. Si tratta di persona forestiera. Presumibilmente residente a Cassano Murge. Non c’è da meravigliarsi perché non è il primo caso. Il dirigente dell’Ufficio Tecnico – questo a tempo indeterminato – è forestiero; un altro dirigente dell’area Servizi Sociali, a tempo determinato, idem. Come a dire che per questa Amministrazione Comunale non vi sono giovani e donne all’altezza di ricoprire posti dirigenziali. Le nostre nuove leve che altrove si fanno onore per l’alta competenza che sanno esprimere, a Santeramo sono soggetti di scarto. Non valgono una cicca. A tutti loro la nostra sincera solidarietà. Come va la nostra vera solidarietà anche a quei dipendenti comunali che, pur avendo le carte in rigola per ricoprire posti dirigenziali e pur avendo partecipato alla selezione pubblica, sono stati bocciati quando le leggi impongono alle Pubbliche Amministrazioni di valorizzare prima di tutto le risorse umane interne all’Ente. E’ successo al caro amico Raffaele Lassandro presso l’Ufficio Tecnico (ora direttore dell’Ufficio Tecnico del comune commissariato di Gioia del Colle); è successo con il dott. Giovanni Canal; è succederà ancora se questa Amministrazione deciderà di consumare cento mila euro all’anno per ogni singolo dirigente. Con i propri dipendenti, nominati dirigenti, la spesa sarebbe stato molto inferiore. Con i soldi pubblici, si può fare quello che si vuole. La dott.ssa Lacasella è stata scelta attraverso pubblica selezione. Sulla carta. Di fatto è stata scelta a porte chiuse dal sindaco che, tra le altre mirabili competenze personali, ha anche quelle di saper valutare un laureato – lui che non lo è – su una materia complessa come quella delle finanze pubbliche. In camera caritatis, tutto è possibile. Anche i miracoli.

Un commento

  1. Giovanni Porfido

    che schifo!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*