21/11/2017 03:28
AL PD NON E’ ANDATA GIÙ L’AUTORIETÀ DEL SINDACO

AL PD NON E’ ANDATA GIÙ L’AUTORIETÀ DEL SINDACO

Intervengono per cercare di fare chiarezza i due ormai ex consiglieri  comunali Marcello Putignano,  segretario PD e Gabriele Cecca , consigliere comunale PD e in una nota scrivono “E’ bene, però, che ai tanti cittadini venga fornita una corretta informazione su quanto è accaduto specie e soprattutto perché, nelle ultime ore, qualcuno soprattutto telematicamente intende farci passare come dei “vili traditori”, – poi passano in rassegna le motivazione che li hanno portati a sfiduciare il loro sindaco:
Prima fra tutte la mancata volontà dello stesso sindaco di ricorrere alle Primarie.
 – Ricorrere alle Primarie è stata, come più volte annunciato, una scelta oltre che per allargare la coalizione a forze politiche nuove anche un’opportunità per lo stesso D’Ambrosio di vedere ampiamente riconfermata e rafforzata la propria leadership.
L’ostinazione con la quale, invece, il sindaco ha osteggiato in tutti i modi questa volontà – riconosciuta da tutte le forze politiche di questa nuova coalizione di centrosinistra oltre che dallo stesso PD – la dice tutta.
A più riprese, durante questa passata consiliatura, abbiamo chiesto al primo cittadino maggiore coinvolgimento nelle scelte politiche che l’amministrazione era chiamata a fare.
La risposta, come noto a tutti, è stata invece sempre quella ovvero “io sono il sindaco, decido io”.
Il confronto democratico, anche e soprattutto all’interno di un Partito forte e strutturato come il nostro, era, è e sarà il faro che illumina l’azione del centrosinistra.
Al confronto e alla condivisione delle scelte qualcuno ha preferito anteporre – con fare quasi dispotico – la propria autorità nella convinzione di essere l’unico depositario della giusta azione politica.
Abbiamo deciso di ricorrere alla sfiducia non per viltà bensì per rilanciare lo stesso centrosinistra che, negli ultimi tempi, si era aggrovigliato nelle discussioni e nelle beghe personalistiche tralasciando quelli che invece sono sempre stati i temi realmente a cuore della comunità e dei cittadini di Santeramo.
Spiace, altresì, apprendere a mezzo stampa del vano tentativo di qualcuno di delegittimare la segreteria, la stessa segreteria che altri nel più recente passato avevano svilito ed assoggettato interamente al volere dell’amministrazione.
I partiti, nella nostra concezione, devono essere sempre invece slegati da questa logica mantenendo la propria indipendenza al fine di poter sempre operare il giusto controllo sulle azioni e sui mezzi da adottare per raggiugere gli scopi prefissi.
Con animo limpido e sereno, oggi, apriamo una nuova fase per il centrosinistra santermano certi di poter rappresentare, con il voto dell’11 giugno, la valida guida per Santeramo e per i santermani” si legge a margine della loro nota.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*