14/12/2017 01:14
A SCUOLA SENZA BANCHI E SEDIE, STUDENTI “TUTTI GIU’ PER TERRA”

A SCUOLA SENZA BANCHI E SEDIE, STUDENTI “TUTTI GIU’ PER TERRA”

Il “back to school” per i ragazzi dell’ IISS Pietro Sette di Santeramo è stata un’amara sorpresa.  Mancano le sedie e i banchi e gli studenti sono costretti a un girotondo collettivo: tutti giù per terra.  Accampati nei corridoi, i ragazzi hanno dovuto seguire le lezioni utilizzando il pavimento come sedia e le ginocchia come banco. Non è una nuova soluzione per migliorare l’apprendimento,  ma si tratta dell’incredibile disagio realmente vissuto dagli alunni e testimoniato da numerose foto giunte in redazione e condivise su facebook. Il motivo di quanto sta accadendo  è sempre causato dai tempi elefantiaci con cui si muove la macchina amministrativa della Città Metropolitana che ha competenza sulla manutenzione degli istituti. Che la situazione fosse disastrosa non è una novità, così come ci spiega Francesco Pontrandolfo, rappresentante d’Istituto “Nonostante da due anni l’IISS Pietro Sette di Santeramo in Colle faccia richiesta di materiale come sedie e banchi alla città metropolitana di Bari per ovviare all’aumento delle iscrizioni e al deterioramento delle attrezzature dovuto al tempo, ad oggi molti studenti sono costretti a fare lezione seduti sui banchi, o in due su una sedia, o in ginocchio”.

E’ andato su tutte le furie anche il professore dello stesso istituto, Giancarlo Visitilli che dalle colonne de “La Repubblica” nella sua rubrica “Inc@ttedra”  scrive: “Però, nessuno mai aveva pensato alla scuola senza banchi e senza sedie, se non i pedagoghi della Svezia e della Finlandia, che utilizzano anche lo spazio scolastico come luogo utile alla buona prassi dell’insegnamento. Ma in Svezia e in Finlandia, comunque, le sedie e i banchi a scuola ci sono. Forse in alcuni paesi poveri dell’Asia e dell’Africa no. Come in Italia, in Puglia, nella provincia di Bari. E la scuola dai giardini con l’erba alta due metri e la possibilità di fare gincane, fra i topi? E quell’altra dove non funzionano i bagni? Insomma, ce n’é di tutti i tipi e per tutti.
Io, in una di queste insegno. Ieri mattina ho cominciato la scuola con gli studenti seduti, i più fortunati sui banchi, e lì dove mancavano anche i banchi e le sedie, si é fatta scuola in piedi o qualcuno si é seduto a terra”.

Scuola che funziona, attenzione alla cultura, progetti per studenti, diritto alla studio e bla bla bla… Dietro le parole restano le storie: quelle di chi in questi giorni, nonostante le lamentele, le proteste, ha dovuto cominciare l’anno scolastico accovacciato per terra. Allora quanto conta la scuola per chi ci governa?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*